Luigi Di Maio torna a parlare della manovra economica e lancia un ultimatum alla maggioranza: “Senza Movimento 5 Stelle non c’è il governo”.

Nuovo ultimatum di Luigi Di Maio al premier Conte. Dopo l’ammonimento del presidente del Consiglio, che aveva fatto sapere che chi non condivide il progetto del governo è fuori, il leader del Movimento 5 Stelle ha risposto a tono ricordando che senza i pentastellati non esisterebbe una maggioranza di governo.

La risposta di Di Maio a Conte

Il leader del Movimento 5 Stelle ha voluto rispondere al Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, il quale aveva lanciato un ultimatum alle forze di maggioranza.

“I toni ‘o si fa così o si va a casa’ fanno del male al Paese, fanno del male al governo: in politica si ascolta la prima forza politica che è il M5s, perché se va a casa il M5s è difficile che possa esistere ancora una coalizione di governo”.

“I toni di queste ore mi meravigliano, ci sorprendono e ci addolorano […]. Non c’è nessun ultimatum contro un ultimatum. Io credo soltanto che bisogna fare in modo che in questo governo ci sia meno nervosismo, meno prese di posizione dure e mettere al centro le persone e non le proprie opinioni”.

Luigi Di Maio
Luigi Di Maio

Manovra, l’ultimatum di Luigi Di Maio al governo

Parlando della manovra economica, Luigi Di Maio ha poi fatto sapere che se non dovessero essere accolte le proposte del Movimento 5 Stelle non si procederà con l’approvazione.

I tre punti richiesti dalla maggioranza di governo sono l’introduzione subito del carcere ai grandi evasori e la confisca per sproporzione, l’obbligo del Pos e la revoca del cambio del regime forfettario per le partite Iva al 15%.

TAG:
primo piano

ultimo aggiornamento: 21-10-2019


Matteo Salvini contro Renzi: “È un pallone gonfiato e un ladro di democrazia”

Il Governo già a un passo dalla crisi, Conte corre ai ripari