Jeff Bezos non è l’uomo più ricco al mondo. Il crollo in Borsa di Amazon ha fatto perdere lo ‘scettro’ al miliardario statunitense.

WASHINGTON (STATI UNITI) – Jeff Bezos non è più l’uomo più ricco al mondo. Secondo quanto riportato da Forbes, l’imprenditore americano ha perso lo scettro di ‘paperone’ del pianeta. La sua Amazon ha perso il 7% nella Borsa di Wall Street con il patrimonio che è sceso a 103,9 miliardi di dollari, posizionandosi un gradino sotto Bill Gates che conserva una ricchezza pari a 105,7 miliardi di dollari.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

I motivi del crollo

Secondo quanto riferito dal Corriere della Sera, la perdita di patrimonio di Bezos non è dovuto solo al crollo in Borsa di Amazon. Non è stato un 2019 semplice per l’imprenditore americano che ha dovuto divorziare anche con la moglie. Un accordo che ha permesso a MacKenzie Bezos di salire tra le venti persone più ricche al mondo con un patrimonio di 32,7 miliardi di euro.

Ma le cifre rischiano di crollare entro la fine del 2019. Nel terzo trimestre, infatti, Amazon ha registrato un -26% dell’utile netto. Con Bezos che molto probabilmente fra qualche mese dovrà abbandonare definitivamente il trono dell’uomo più ricco al mondo, conquistato proprio nel 2018.

Jeff Bezos
Jeff Bezos

Il duello con Bill Gates

La principale insidia per Bezos ha un nome e cognome preciso: Bill Gates. Il co-fondatore di Microsoft ha un patrimonio di poco superiore ai 105 miliardi di dollari e il passo indietro del numero uno di Amazon gli ha permesso di conquistare ancora una volta la leadership di questa principale classifica.

Un duello che è nato negli ultimi anni anche se Gates da diverso tempo è uno dei profili fissi sulla rivista di Forbes. L’ingresso tra gli uomini più ricchi al mondo è avvenuto nel 1998 e da quel momento non è più uscito, stazionando sempre nelle prime posizioni.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 26-10-2019


Alitalia, il prestito pubblico sale a 400 milioni

Dl fiscale, spunta taglio da 3 miliardi ai ministeri