L’uomo più ricco d’Ucraina in aiuto dei suoi connazionali. Ecco quali sono state le sue scelte.

ROMA – L’uomo più ricco d’Ucraina in aiuto dei suoi connazionali. Secondo quanto riferito da Forbes, Rinat Akhmetov ha deciso di scendere in campo in prima persona per dare sostegno a tutte quelle persone che sono state colpite duramente da questo conflitto.

Si tratta di un passaggio sicuramente fondamentale per consentire a tutti di poter superare al meglio la guerra. Naturalmente ora lui si trova in un posto sicuro anche per evitare possibili ritorsioni nei suoi confronti, ma da qui ha deciso di non abbandonare i suoi connazionali.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Ecco come sta aiutando i connazionali

In questo momento le sue imprese sono al lavoro per consentire a tutti i cittadini di superare questo momento non assolutamente facile. Come? Prima di tutto pagando gli stipendi regolarmente ai propri dipendenti e successivamente fornendo acqua, cibo e medicine ai connazionali.

Si tratta di un passaggio, come detto in precedenza, fondamentale per poter guardare al futuro con maggiore fiducia. Successivamente capiremo se tutto questo lavoro sarà utile oppure alla fine anche lui dovrà alzare bandiera bianca.

Kiev
Kiev

Akhmetov è ancora in patria

Akhmetov non ha lasciato l’Ucraina. “Sono ancora qui e non ho nessuna intenzione di andarmene – ha rassicurato il miliardario – condivido gli stessi sentimenti dei miei connazionali e sto aspettando la vittoria del Paese in questa guerra. Successivamente ricostruiremo l’Ucraina e le faremo diventare più felice e prospera. Voglio raggiungere l’obiettivo e farò il massimo per non deludere le aspettative“. Parole che confermano la sua volontà di aiutare la popolazione in un periodo davvero molto complicato per lui e per l’intero Paese.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 12-03-2022


Ucraina, per gli Usa il mega yatch a Carrara è di Putin

Prezzi produzione industriale, brutte notizie dall’Istat: +32,9 per cento a gennaio