Il secondo duello tra Trump e Biden, avvenuto a distanza, ha visto prevalere l’ex vicepresidente. Il tycoon attacca la moderatrice Savannah Guthrie.

MIAMI – Il secondo duello tv si è rivelato un boomerang per Donald Trump e un ulteriore successo per Joe Biden. Poche ore fa infatti si è tenuto il dibattito a distanza tra i due sfidanti nella corsa alla Casa Bianca lo stesso giorno nel quale si sarebbe dovuto tenere il secondo duello tv diretto, poi annullato per la positività del tycoon al coronavirus.

Il format del duello a distanza

Donald Trump era in onda sulla Nbc da Miami, e Joe Biden era in onda sulla Abc da Philadelphia. Entrambi i candidati alla Casa Bianca, risultati negativi al test anti-Covid prima di andare in diretta, si sono sottoposti per circa un’ora alle domande del pubblico nel format del townhall.

Joe Biden
archivio Image / Cronaca / Joe Biden / foto Imago/Image

Trump in difficoltà, prevale Biden

Dalla pandemia alla politica economica, Donald Trump e Joe Biden si sono sfidati in televisione a distanza. A conquistare il “secondo round” del match per la corsa alla Casa Bianca è stato l’ex vicepresidente, con l’attuale inquilino della Casa Bianca in difficoltà come mai non si era visto. Merito soprattutto di Savannah Guthrie, 48 anni, anchorwoman della Nbc divenuta la vera protagonista della serata.

Critiche alla Guthrie

Il team della campagna per la rielezione di Donald Trump ha attaccato la moderatrice della Nbc Savannah Guthrie per come ha gestito il dibattito con il candidato democratico Joe Biden. Da lei, ha twittato lo staff di Trump, “un comportamento ostile nei confronti del presidente. Trump ha interagito in modo efficace con gli elettori in sala. Ancora una volta Biden è stato tenuto al sicuro e lontano da qualsiasi domanda che poteva metterlo in difficoltà“.

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
Donald Trump duello tv elezioni usa Joe Biden usa 2020

ultimo aggiornamento: 16-10-2020


Da Washington a Trump, tutti i presidenti degli Stati Uniti d’America

Sileri: “L’aumento dei casi non spaventa. Prematuro ipotizzare un lockdown a Natale”