Usa, è lo shutdown più lungo della storia. E i federali fanno causa al governo

Uso, è lo shutdown più lungo nella storia del paese. I federali fanno causa al governo ma Trump avverte: non dichiarerà lo stato di emergenza nazionale troppo presto.

Prosegue la lotta intestina al governo americano, con il presidente Donald Trump l bivio: o dichiara lo stato di emergenza nazionale o rinuncia al muro al confine con il Messico. Andare avanti con lo shutdown non è un’ipotesi percorribile ancora a lungo.

Usa, è lo shutdown più lungo nella storia del paese

Arrivati al 12 gennaio, l’America è entrata ufficialmente nello shutdown più lungo che si sia mai registrato nella storia del Paese. Da ventidue giorni l’America è semi-paralizzata, con  centinaia di migliaia di funzionari pubblici senza stipendio e con la consapevolezza di non sapere quando tutto questo possa finire.

Donald Trump
07.07.2017,Germany,GER, G20 Hamburg Summit Meeting, Donald Trump, Pr‰sident der Vereinigten Staaten von Amerika (USA)
07 07 2017 Germany ger G20 Hamburg Summit Meeting Donald Trump President the United States from America USA

I sindacati dei dipendenti federali fanno causa al governo

Alla luce della situazione ormai particolarmente delicata, i sindacati dei lavoratori federali hanno informato di aver  fatto causa al governo.

Ovviamente il tutto sta causando grandi disagi anche alla popolazione locale. L’aeroporto di Miami, ad esempio, chiuderà per mancanza di personale, ma questo è solo uno dei casi problematici con cui è costretto a fare i conti il paese.

Ma Trump non rischia: niente emergenza nazionale (per il momento)

Donald Trump, ritrattando sulle sue precedenti dichiarazioni, ha detto di non essere intenzionato a dichiarare lo stato di emergenza nazionale, una soluzione troppo semplice che non risolverebbe definitivamente la questione sicurezza al confine con il Messico e anzi rischierebbe di compromettere il mandato di Trump proprio a pochi mesi dalla fine naturale del suo mandato.

ultimo aggiornamento: 12-01-2019

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures
X