Vaccino Covid, terza dose, richiamo e dose booster, Sileri: “Priorità ai vaccinati con Johnson and Johnson”.

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri è tornato a parlare della campagna di vaccinazione facendo sapere che, per quanto riguarda la somministrazione delle prossime dosi del vaccino contro il Covid, la priorità andrà alle persone che hanno ricevuto Johnson and Johnson, unico vaccino monodose al momento in circolazione.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Vaccino Covid, Sileri: “Priorità ai vaccinati con Johnson and Johnson”

Ci sarà una priorità per coloro che hanno fatto il vaccino J&J e che dovranno fare la seconda dose. Le indicazioni saranno date a breve in maniera chiara ed esaustiva“, ha dichiarato Sileri intervenuto ai microfoni di Radio Cusano Campus.

Pierpaolo Sileri
Pierpaolo Sileri

La possibilità di un richiamo annuale

Sileri ha anche parlato della possibilità che la vaccinazione contro il Covid diventi annuale, come quella contro l’influenza, ad esempio: “Se ogni anno o ogni due anni dovremo fare un richiamo ce lo dirà la scienza. Questo virus ormai è entrato di diritto nei libri di medicina“.

Terza dose a tutti

Nei giorni scorsi lo stesso Sileri aveva parlato della somministrazione della terza dose del vaccino facendo sapere che con ogni probabilità si procederà con la somministrazione a tutti. Completata la vaccinazione agli anziani, agli operatori sanitari e ai soggetti fragili di ogni età si procederà poi con la somministrazione al resto della popolazione. Le persone dovrebbero essere chiamate in base alla data della somministrazione della seconda dose di vaccino o comunque del completamento del ciclo vaccinale standard. Per la conferma si attendono ovviamente l’analisi dell’Aifa e il parere del Comitato Tecnico Scientifico.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

coronavirus vaccino coronavirus

ultimo aggiornamento: 28-10-2021


Maltempo, Catania allagata, le immagini drammatiche. Ritrovato il corpo della donna dispersa

G20 a Roma, Capitale blindata: strade chiuse e oltre 5mila agenti in campo