Lo studio sulla variante Delta (ex indiana) del Covid: aumentano i rischi legati ai ricoveri, i vaccinati con Pfizer hanno meno anticorpi attivi.

Uno studio pubblicato su Lancet dimostra che la variante Delta del Covid, la vecchia variante indiana, è più trasmissibile della variante inglese, ora variante Alfa, e aumenta il rischio di ricoveri. Non solo. La variante Delta avrebbe anche una maggiore resistenza al vaccino almeno fino alla somministrazione della seconda dose. Inoltre i vaccinati con Pfizer, secondo lo studio, avrebbero meno anticorpi attivi contro la variante Delta del Covid.

La diffusione in Gran Bretagna

Lo studio in questione è del 3 giugno prende in analisi la diffusione della variante Delta, prima nota come variante indiana. L’analisi nasce dalla diffusione del virus in Gran Bretagna. Il Paese sembrava essere fuori dall’emergenza, invece nelle ultime settimane ha fatto registrare un nuovo aumento di casi spingendo le autorità a riflettere sul calendario delle riaperture.

Le caratteristiche della variante Delta del Covid

La variante Delta, secondo l’analisi del Public Healt England del 3 giugno, è più trasmissibile della variante Alfa, prima nota come variante inglese, e aumenta i rischi legati ai ricoveri in ospedale. La cosa più preoccupante è che la variante Delta mostra una maggiore resistenza al vaccino almeno fino al completamento del ciclo vaccinale, quindi fino alla somministrazione della seconda dose.

Coronavirus
Coronavirus

La protezione dopo la prima dose

La prima dose quindi da sola sembra non garantire una protezione elevata contro la variante Delta del Covid. Anche per questo motivo in Gran Bretagna si è deciso di cambiare passo nella campagna di vaccinazione accelerando con la somministrazione delle seconde dosi.

Variante Delta del Covid: i vaccinati con Pfizer hanno meno anticorpi attivi

Inoltre gli esperti del Crick institute e del National Institute for Health Research (Nihr) Uclh Biomedical Research Centre hanno sottolineato come chi si vaccina con Pfizer ha meno anticorpi in grado di contrastare la variante Delta del Covid. Parlando di numeri, una sola dose di Pfizer garantisce al 79% dei pazienti di avere una risposta immunitaria, quindi una protezione, contro la forma tradizionale del coronavirus. La percentuale però si abbassa al 50% contro la variante Delta del Covid. La percentuale sarebbe ancora più bassa contro la variante individuata in Sudafrica.

TAG:
primo piano vaccino coronavirus

ultimo aggiornamento: 05-06-2021


Rivoli (Torino), sorprende ladri in casa: ferito alla gamba da colpo di pistola

Festa dell’Arma dei Carabinieri, Mattarella: “Commosso pensiero a chi ha testimoniato con l’estremo sacrificio l’attaccamento alla Patria”