Caos in Venezuela, Maduro revoca la nomina di presidente a Guaido

Caos in Venezuela, Maduro revoca la nomina di presidente a Guaido

Alta tensione in Venezuela. Maduro ha revocato la nomina di presidente a Juan Gauidò. Continua il blackout energetico nel Paese.

CARACAS (VENEZUELA) – Dura presa di posizione da parte di Nicolas Maduro. Il presidente del Venezuela ha rimosso dalla carica di numero uno ad interim Juan Guaidò. La notizia è stata data da Elvis Amoroso che ha annunciato anche l’ineleggibilità del leader dell’Assemblea Nazionale per 15 anni ad ogni carica pubblica.

Si deve essere miserabili – il commento di Guaidò riportato da La Repubblicaper chiamare in causa non so da dove un personaggio designato da un’istituzione che non esiste“. La tensione continua ad essere molto alta con la mossa di Maduro che potrebbe creare delle nuove manifestazioni in piazza nel prossimo weekend da parte dell’opposizione.

Nicolas Maduro
fonte foto https://www.facebook.com/NicolasMaduro/

Tensione in Venezuela, nuovo blackout nel Paese

La tensione in Venezuela continua ad essere molto alta. Il Paese sta ancora lottando con un blackout energetico che ormai dura da 56 ore. Milioni di lavoratori non riescono a compiere il loro mestiere e la crisi economica sembra ormai alle porte. Maduro sta cercando in tutti i modi di ripristinare il servizio ma le proteste della popolazione non rendono il compito semplice.

La situazione continua ad essere molto tesa in tutto il Paese con le opposizioni che continuano a chiedere le elezioni anticipate mentre Maduro non ha nessuna intenzione di fare un passo indietro. La questione Venezuela continua ad essere seguita da vicino anche dai Paesi stranieri. L’Unione Europea e gli Stati Uniti confermano il sostegno a Juan Guaidò mentre la Russia ‘appoggia’ l’attuale leader. Il regime chavista nella giornata odierna ha deciso di revocare la nomina a presidente del numero uno dell’Assemblea Nazionale che nei mesi scorsi si aveva deciso di autoplocamarsi. Un’interdizione a ricoprire ruoli politici per diversi anni che potrebbe alimentare ancora di più la tensione.

fonte foto copertina https://www.facebook.com/NicolasMaduro/

ultimo aggiornamento: 28-03-2019

X