Manovra, in serata vertice a Palazzo Chigi. Possibili ritocchi a Quota 100

Manovra, 3 miliardi per il taglio del cuneo fiscale. Niente accordo su Quota 100

In serata vertice a Palazzo Chigi sulla manovra. Possibili ritocchi a Quota 100 ma non ci dovrebbe essere l’allungamento delle finestre attuali.

ROMA – In serata vertice a Palazzo Chigi sulla manovra. Dopo l’incontro previsto al MEF, il ministro Gualtieri si è recato’ nella stanza del premier Conte (di ritorno da Napoli) per iniziare a definire gli ultimi dettagli sulla legge di bilancio. Si tratta di un passaggio fondamentale in vista del Consiglio dei ministri previsto per lunedì 14 ottobre.

Vertice sulla manovra, tre miliardi per il taglio del cuneo fiscale

Il vertice pre-Consiglio dei Ministri ha portato una novità al vaglio del governo, ossia tre miliardi da destinare al taglio del cuneo fiscale. La proposta non sarebbe stata accolta all’unanimità ma si dovrebbe andare verso l’approvazione.

Ritocchi a Quota 100? Governo diviso

Sul tavolo di questo vertice anche dei possibili ritocchi a Quota 100. La misura, fortemente voluta dal precedente esecutivo, dovrebbe rimanere attiva fino al 2021 ma la ministra del Lavoro, Catalfo, sta ragionando su alcuni accorgimenti che potrebbero rendere il provvedimento meno costoso.

Nelle ultime ore è ritornata in auge l’ipotesi di un allungamento delle attuali finestre di uscita di tre mesi ma la ministra ha smentito queste indiscrezioni. L’ipotesi, comunque, continua ad essere al vaglio degli inquirenti. Una piccola proroga, infatti, consentirebbe al Governo di risparmiare 500 milioni nel 2020 e un miliardo nel 2021. Soldi che potrebbero essere reinvestiti in altre riforme.

Una novità, però, che rischia di allungare l’età pensionistica. Chi riuscirà a raggiungere i requisiti entro dicembre 2019 allora la finestra dovrebbe restare di tre mesi ma chi maturerà il mix 62 anni di età e 38 di contribuiti dal 1° gennaio 2020 allora la finestra per i privati dovrebbe arrivare fino al primo luglio e ottobre per i pubblici.

Matteo Renzi ha agitato le acque proponendo l’abolizione di Quota 100, scatenando la reazione di Matteo Salvini.

Soldi
fonte foto https://pixabay.com/photos/euro-money-bank-note-checkout-1306189/

I rider

Sul tavolo anche la questione rider. L’accordo raggiunto nei giorni scorsi non soddisfa i sindacati di questa categoria di lavoratori e per questo ci potrebbero essere ulteriori novità. Secondo l’Assodelivery le nuove norme ridurranno la flessibilità prevista oltre che faranno diminuire i compensi agli stessi ciclofattorini. Per questo nel vertice si discuterà per trovare un’intesa che soddisfi tutte le parti chiamate in causa.

ultimo aggiornamento: 14-10-2019

X