Vertice tra Salvini e Di Maio a Palazzo Chigi: il governo deve andare avanti

Incontro tra Salvini e Di Maio a Palazzo Chigi: il punto sul futuro del governo

Vertice a Palazzo Chigi tra Matteo Salvini e Luigi Di Maio: il governo deve andare avanti. Il piano della Lega e del Movimento Cinque Stelle per il futuro.

Vertice a Palazzo Chigi tra Matteo Salvini e Luigi Di Maio: il governo riparte. Dopo settimane di battaglie combattute a suon di post sui social e dichiarazioni alla stampa, i due vicepremier sono tornati a parlarsi per rimettere in moto la macchina del governo, troppo lenta, secondo alcuni immobile, prima delle elezioni europee.

Vertice a Palazzo Chigi tra Salvini e Di Maio

Fonti del Movimento Cinque Stelle, citate dall’Ansa, hanno confermato il vertice e hanno fatto sapere che si è trattato di un incontro cordiale per fare il punto sul futuro, sulle dichiarazioni in conferenza stampa di Giuseppe Conte e dei problemi economici con l’Unione europea.

Matteo Salvini
Fonte foto: https://www.facebook.com/salviniofficial

La nota diramata da Lega e Movimento Cinque Stelle al termine dell’incontro

Al termine dell’incontro Lega e Movimento Cinque Stelle hanno condiviso una nota congiunta in cui hanno fatto il punto della situazione sul vertice tra i due leader.

“Tra gli obiettivi da realizzare l’abbassamento delle tasse, argomento che i due vicepremier considerano ‘prioritario per il rilancio del Paese. Servono misure straordinarie e nessun aumento delle tasse per lo sviluppo dell’economia. I maggiori incassi dell’Irpef e dell’Iva quasi dell’8 per cento e la diminuzione della disoccupazione rispetto al 2018 nei primi quattro mesi di quest’anno ci dicono che siamo sulla buona strada. Il governo deve andare avanti”.

Lauigi Di Maio e Matteo Salvini
Roma 01/06/2018 – giuramento Governo Italiano / foto Insidefoto/Image nella foto: Luigi Di Maio-Matteo Salvini

Salvini e e Di Maio uniti contro l’Unione europea

Proprio il rapporto della Commissione europea sull’Italia avrebbe spinto Lega e Movimento Cinque Stelle a riavvicinarsi. Se il paese dovesse essere sanzionato o costretto a varare una manovra correttiva, le due forze politiche vedrebbero cadere a picco i consensi, probabilmente facendo la fortuna del Partito democratico, già reduce da un buon risultato alle elezioni europee.

ultimo aggiornamento: 07-06-2019

X