I vetri oscurati per auto sono un optional che molti sognano di avere sulla propria vettura. Ecco cosa c’è da sapere in merito.

Quando passa per la strada un’auto con i vetri oscurati si pensa spesso che al suo interno ci sia un vip o comunque una persona importante, che non si vuole far vedere mentre viaggia per tutelare la sua privacy. Non sempre questo pensiero corrisponde a verità, in quanto gli oscuramenti dei vetri possono essere realizzati da tutti gli automobilisti che hanno determinate necessità. Ma come fare? Cosa dice la legge in merito a questo argomento? E quali sono i vantaggi e gli svantaggi, per non parlare dei costi? Scopriamo insieme tutto quello che c’è da sapere sull’argomento!

Oscuramento vetri auto: cosa dice la normativa

Una delle domande più frequenti per quanto riguarda l’oscuramente dei vetri dell’auto è se questa operazione è a norma di legge. In questo senso è bene precisare che prima del 2002 in Italia non c’era una normativa vera e propria che regolamentava l’installazione delle pellicole scure sui vetri. Dopo quell’anno è uscita una circolare ministeriale che ha fatto chiarezza, in particolare prendendo in esame la legge sulla libera circolazione di merci nell’Unione Europea. Quindi in base a questa l’Italia, se negli altri paesi comunitari è legale, non può vietare l’utilizzo.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Vetri oscurati
Vetri oscurati

Inoltre negli anni successivi sono state create delle regole precise. In primis l’auto in questione deve essere omologata per avere i vetri oscurati. Non importa se in un primo momento non lo è: è possibile farlo anche in un secondo momento. La cosa fondamentale da conoscere, però, è che i vetri scuri in auto possono essere solo quelli posteriori e il lunotto posteriore, mai quelli anteriori e il parabrezza.

Vetri oscurati auto: vantaggi e svantaggi

I vantaggi che possono essere utili dall’oscurare un vetro sono molti. Uno di questi, come già accennato, è nel dare privacy ai passeggeri di un’auto, che non vogliono essere riconosciuti dalle persone in strada o comunque che non vogliono essere infastiditi. Un altro vantaggio è quello che riguarda la protezione dei raggi solari dentro l’abitacolo, che possono essere fastidiosi per i passeggeri, i bambini che stanno sul seggiolino dietro e per alcuni oggetti che possono essere sensibili in questo senso.

C’è anche una necessità di far rimanere l’abitacolo più fresco nella stagione estiva: oscurare un vetro può essere l’ideale per risolvere il problema. Infine c’è anche una necessità estetica dell’autovettura con i vetri oscurati. Infatti quando se ne vede una si ha sempre l’idea che sia un’auto all’avanguardia in tutto e per tutto.

Ci sono anche degli svantaggi? Non apparenti, in quanto i vetri scuri sono un di più che spesso fa la felicità dei guidatori che vogliono che la propria auto sia perfetta in tutti i punti di vista.

Oscurare vetri auto: come procedere e quanto costa

Per procedere con l’oscurare i vetri dell’auto i metodi sono principalmente due:

-Il primo, e quello meno costoso, prevede l’applicazione sul vetro in questione di una pellicola oscurante.

-Il secondo, invece, prevede la sostituzione del vetro con uno apposito scuro.

Quest’ultimo modo è quello che si tende a fare quando ci si rivolge a una ditta specializzata, in grado di sostituire il vetro senza problemi. Il primo modo, però, può essere fatto da un’azienda ma anche da soli. È importante però sapere che le pellicole in questione devono essere certificate e il marchio della ditta produttrice deve essere ben visibile una volta posizionate.

Il costo della sostituzione dei vetri può essere molto alto. Per il lunotto ad esempio si parla di un costo di 400 euro, mentre per tutti i vetri il prezzo lievita senza dubbio anche a 1000 euro. È naturale che con l’applicazione di fogli oscuranti il prezzo sia notevolmente più basso, ma la qualità è senza dubbio inferiore. Il costo in questo senso si aggira in totale sugli 80, 100 euro.


Stellantis, investimento di 100 milioni per produrre veicoli commerciali elettrici

La previsione di Wolff: “Non sarà l’ultimo contratto di Hamilton”