La viceministra Castelli su Ita in audizione alla Camera: “La partenza operativa avverrà il 15 ottobre”.

ROMA – La viceministra dell’Economia Laura Castelli in audizione alla Camera ha fatto il punto su Ita. “Il Governo – ha detto l’esponente del Governo citata dall’Ansaconferma che la partenza operativa avverrà il 15 ottobre ed è fiducioso che tutte le parti coinvolte vorranno lavorare in modo determinato e ragionevole per raggiungere questo obiettivo […]“.

La nuova compagnia – ha aggiunto Castelli – deve produrre valore nel tempo e deve essere profittevole e redditizia ed i ricavi sono attesi in crescita da 1,8 miliardi di euro tra il 2021 e il 2022 a 3,3 miliardi nel 2025. In questo caso il pareggio in termini di Ebit che verrebbe raggiunto tra il secondo e il terzo bilancio operativo […]“.

Castelli: “8.400 dipendenti nel 2025”

La viceministra si è soffermato anche sui numeri: “A fine piano nel 2025 sono previsti 8.400 dipendenti suddivisi così: 3.700 del ramo volo, 2.600 di handling, 1.000 di manutenzione e 1.100 di staff“. “La nuova società – ha concluso la Castelli – dovrà essere dimensionata con assoluta coerenza con il piano industriale e quindi con l’evoluzione della domanda attesa e definire un nuovo contratto di lavoro a condizione di mercato“.

Alitalia
Alitalia

La partenza di Ita fissata il 15 ottobre

Manca davvero poco ormai alla partenza di Ita. La nuova compagnia prenderà definitivamente il via il 15 ottobre quando sarà chiamata a sostituire Alitalia. Nei prossimi giorni saranno svelati tutti i dettagli e il Governo ha sicuramente fiducia di poter recuperare il terreno perso per la pandemia.

Il quadro dell’emergenza decisamente migliorato potrebbe consentire all’azienda di avere poter avere dei numeri migliori rispetto alle previsioni, ma su quest’ultimo passaggio bisognerà aspettare ancora qualche mese per avere maggiori certezze sui numeri dei passeggeri che hanno deciso di viaggiare con la nuova compagnia.

ultimo aggiornamento: 06-10-2021


Istat, reddito disponibile delle famiglie cresciuto nel secondo trimestre

NaDef, Franco in audizione: “Riteniamo che la politica di bilancio debba restare espansiva”