Il Presidente Mattarella è intransigente su alcuni ruoli e alcuni punti di quello che sarà il nuovo governo di centrodestra.

Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella assicura la linea di un governo ancorato in Europa e lo farà a partire dai ministeri chiave: Esteri Interni, Difesa e Economia. Giorgia Meloni aveva già provveduto a tenere lontano da questi ministeri Matteo Salvini, che ora con questi voti di certo non potrà reclamare. Ma a vigilare sarà soprattutto il capo dello Stato che annuncia un passaggio di consegna dal governo Draghi al futuro governo di Meloni ordinato e senza strappi.

La collaborazione viene da entrambe le parti, infatti Crosetto ha già proposto di collaborare per la prossima legge di bilancio. Non ci sarà nessun ministro di Draghi che passerà al governo Meloni, questo lo assicurano da ambo le parti, ma la transizione sarà collaborativa e non frettolosa. Mattarella farà di tutto per assicurare una maggioranza solida in entrambi i rami del parlamento per riuscire a governare in questo complesso periodo storico senza terremoti che possano minare la stabilità del Paese come è accaduto a luglio.

Sergio Mattarella
Sergio Mattarella

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Il passaggio di consegne avverrà in modo ordinato

La guerra e l’inflazione sono i maggiori problemi che affliggono il nostro paese e l’Europa intera, per questo si farà di tutto per garantire la stabilità del governo. Il prossimo governo dovrà seguire i vincoli dettati da Mattarella: europeismo e atlantismo. Da questi due punti cardine il presidente non transige. Gli stessi valori che dovranno caratterizzare i quattro ministeri chiave. Non importa cosa ha detto in passato Meloni o quali possano essere le minacce e le sue amicizie. Oggi, come lei stessa ha sottolineato, è il tempo della responsabilità e quindi seguire i dettami del capo dello Stato Sergio Mattarella.

Il prossimo governo di Meloni dovrà partire alle urgenze che Draghi prospetterà alla premier ma non ha intenzione di fare di più né da mentore al nascente esecutivo.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 26-09-2022


Complottisti alle urne, più di una lista con pessimi risultati

Elezioni: fuori Bonino e Di Maio, dentro Cucchi