Ursula von der Leyen, il discorso sullo Stato dell’Unione 2021: “Gli italiani chiesero solidarietà, l’Italia aveva ragione, l’Europa doveva intervenire”.

In occasione del discorso sullo Stato dell’Unione 2021, la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha ripercorso l’emergenza Covid evidenziando anche il ruolo svolto dall’Italia, che ha chiesto all’Ue un intervento organico per sostenere l’Unione europea in una crisi senza precedenti.

Discorso sullo Stato dell’Unione 2021, von der Leyen: “L’Italia aveva ragione”

Mi ricordo bene l’inizio della pandemia e l’appello dell’Italia all’Europa. Gli italiani chiesero la solidarietà ed il coordinamento dell’Europa. L’Italia aveva ragione, l’Europa doveva intervenire. E questo è quello che abbiamo fatto“, ha dichiarato la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen in occasione del discorso sullo Stato dell’Unione 2021.

Ursula von der Leyen
Ursula von der Leyen

La campagna di vaccinazione e i numeri in Ue

Ursula von der Leyen ha parlato anche della campagna di vaccinazione parlando di un grande successo a livello europeo.

La nostra campagna di vaccinazione è un successo. Quello che conta sono le ferme e crescenti consegne di vaccini agli europei e al mondo. Ad oggi 200 milioni di vaccini sono stati distribuiti nell’Ue. Sono abbastanza per vaccinare almeno la metà della popolazione adulta europea almeno una volta. Né Cina né Russia, si avvicinano minimamente“.

Il motto europeo viene dall’Italia

La presidente della Commissione europea è tornata a parlare dell’Italia per mandare un messaggio a tutti i Paesi.

“A pochi chilometri da Firenze c’è un paesino, Barbiana, dove don Lorenzo Milani sul muro della scuola scrisse in inglese ‘I care’. Lui disse agli studenti che quelle erano le due parole più importanti da imparare. ‘I care’ significa assumere responsabilità. Gli europei hanno dimostrato con le loro azioni cosa significa. Questo deve essere il motto dell’Europa. ‘We care’.

Coronavirus, von der Leyen sulla deroga alla protezione della proprietà intellettuale per i vaccini

Nel corso del suo intervento Ursula von der Leyen ha parlato anche del caso dei brevetti sui vaccini contro il Covid, dopo che il presidente degli Stati Uniti Joe Biden si è detto a favore della revoca.

“L’Ue è pronta a discutere qualsiasi proposta che affronti la crisi in modo efficace e pragmatico. Questo è il motivo per cui siamo pronti a discutere di come la proposta degli Stati Uniti per una deroga alla protezione della proprietà intellettuale per i vaccini Covid potrebbe aiutare a raggiungere tale obiettivo”.

TAG:
primo piano

ultimo aggiornamento: 06-05-2021


Riaperture, Draghi accelera: il nuovo calendario al vaglio del governo

Omofobia, il testo del ddl Lega-Forza Italia