Voto Rosseau sulle cinque novità M5s. Gli iscritti danno il via libera anche se i numeri confermano una tensione all’interno del partito.

ROMA – Voto Rosseau sulle cinque novità M5s. Gli iscritti hanno dato al via libera alle ultime riforme fortemente volute dai vertici e tra questi ci sono anche il mandato zero e la nuova organizzazione che prevede alleanze con le liste civiche.

Ma i numeri lanciano un piccolo allarme in casa M5s. Per quanto riguarda il mandato zero per i consiglieri comunali a favore sono stati solo 17mila iscritti (68%). Dati alti ma inferiori rispetto agli altri quesiti che confermano una certa perplessità da parte di alcune persone che fanno parte del MoVimento. Ma era stato lo stesso Grillo a commentare con ironia la vicenda. “Di andarmene a casa non ho proprio il coraggio“, le sue parole citando una canzone di Iglesias.

Il commento M5s

Soddisfazione da parte del M5s. Sul blog il partito ha sottolineato come la votazione è stata tenuta aperta anche durante la notte. Una novità – fanno sapere i vertici dei grillini – che è stata apprezzata dagli iscritti.

Diverse le novità previste nei prossimi giorni. Con la nuova riorganizzazione i pentastellati nomineranno 12 facilitatori che si occuperanno di aree specifiche di competenza, ascolteranno i territori e coordineranno le attività. Queste figure dovranno rendere conto al capo politico e agli iscritti. Il loro lavoro sarà valutato su Rousseau a metà mandato con tanto di voto sugli obiettivi.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Luigi Di Maio
Luigi Di Maio

Il M5s pronto a ripartire

Con queste novità il M5s spera di riuscire a ripartire a livello amministrativo. Le ultime elezioni hanno un ‘segnato’ il partito con Di Maio che si è messo subito al lavoro per cercare di recuperare consensi. E il dialogo con i cittadini è alla base del nuovo MoVimento che proverà a mettersi alle spalle mesi non semplici.

fonte foto copertina https://www.facebook.com/pg/LuigiDiMaio


PD, Zingaretti chiude ad una possibile alleanza con il M5s: “Mai stato un nostro obiettivo”

Caso Siri, il leghista ha intascato un milione dalla banca di San Marino?