Domani alle ore 15 andrà in scena la finale di Wimbledon 2021, tra Matteo Berrettini e Novak Djokovic. È la prima volta di un italiano.

Un antipasto che a chiamarlo antipasto suona offensivo e oltraggioso verso l’evento, il più importante della stagione tennistica. Qualche ora prima dell’atto conclusivo di Euro 2020 tra Italia e Inghilterra un Paese intero tifarà per Matteo Berrettini, il primo italiano nella storia a raggiungere la finale di Wimbledon, opposto a Novak Djokovic. Il match contro il serbo sarà trasmesso pure in chiaro.

Berrettini-Djokovic: diretta anche in chiaro

L’appuntamento è fissato alle ore 15 in chiaro su Tv8, in aggiunta al nuovo canale Sky Sport Tennis (205), Sky Sport Uno, Sky Wimbledon 1 e in streaming su Now. L’evento si fregerà della telecronaca di Elena Pero e Paolo Bertolucci, una garanzia. La gara sarà preceduta da uno studio di approfondimento dalla durata di mezz’ora, presentato da Eleonora Cottarelli e con presente in studio pure Filippo Volandri, capitano di Davis. Da Londra saranno collegati Stefano Meloccaro e Paolo Lorenzi.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Matteo Berrettini
Matteo Berrettini

Una copertura degna delle migliori occasioni. Oltre alla Rai, sempre Sky Sport proporrà in serata Italia-Inghilterra, l’appuntamento clou per un Paese fortemente calciofilo. Matteo Berrettini si presenta alla sfida più importante della sua giovane carriera (ha solo 25 anni) con tutta l’intenzione di rendere la vita difficile a Djokovic, che in questi lidi ha già ottenuto cinque successi.

Nole in conferenza stampa

Il romano non avrà insomma niente da perdere, al cospetto di uno dei migliori tennisti della storia. A proposito di storia, qualora trionfasse Nole eguaglierebbe il record di 20 tornei del Grande Slam, conquistati dai rivali Roger Federer e Rafa Nadal. In conferenza stampa, Novak Djokovic ha rotto il ghiaccio con una battuta su Italia-Inghilterra: Speriamo che sia una bella partita e che l’Italia possa vincere solo la sera…”, ha commentato Djoker.  “È la prima finale per in uno slam per lui – ha affermato Djokovic – la trentesima per me, spero che l’esperienza mi possa aiutare, ma lui sta giocando il miglior tennis della sua carriera, ha uno dei migliori servizi nel mondo”.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non


Tour de France 14a tappa: Mollema trionfa in solitaria

Giochi olimpici, Roma 1960: da Wilma Rudolph a Cassius Clay, da Livio Berruti a Abebe Bikila