Se abbiamo bisogno di un word processor online senza installare nulla, ecco le migliori soluzioni.

Il web è pieno di applicazioni per la videoscrittura, di ogni forma e dimensione.
La maggior pare dei word processor online non ha nulla da invidiare alle applicazioni più blasonate che già conosciamo del tipo tradizionale, cioè che funzionano come programmi per il nostro desktop.

In questa guida ne prenderemo in considerazione tre, tutte completamente gratuite e che sono utilizzabili attraverso una semplice registrazione al servizio, che in genere porta anche alcuni vantaggi aggiuntivi.

Ecco i tre principali word processor online, che possono esserci davvero di aiuto quando abbiamo a disposizione solo il browser.

Microsoft Word Online

Scrivere un testo al computer è da sempre sinonimo di Microsoft Word.
Per questa motivazione è naturale pensare, cercando applicazioni per scrivere mentre si naviga, a Microsoft Word Online ovvero la versione cloud del più noto programma di produttività della suite office, raggiungibile sulla pagina ufficiale.
Il bello è che Microsoft Word Online, a differenza della sua controparte fisica, è completamente gratuito.

Per utilizzare Word Online, tutto ciò di cui possiamo aver bisogno è un account Microsoft gratuito. L’interfaccia tra le due applicazioni è praticamente identica e utilizzare la versione online dell’applicativo rende la condivisione di documenti estremamente semplice.
Esattamente come l’applicazione desktop, la versione online di Word supporta anche la collaborazione in tempo reale tra le altre caratteristiche.

Word Online è una versione più leggera del client desktop e pertanto non ha esattamente tutte le caratteristiche altrimenti presenti nella versione più conosciuta. Tuttavia la web app di Word contiene tutte le funzionalità principali, al punto che possiamo usarlo come versione di Office gratis praticamente senza accorgerci della differenza, se non siamo utenti super esperti.
A differenza della versione desktop inoltre è possibile salvare i file soltanto in formato .docx, avendo comunque la possibilità di visualizzare e modificare gli i documenti di altri formati.

Google Docs

Google Docs, raggiungibile a questo link, è il concorrente principale di Microsoft Word Online. Anzi, per la verità se dobbiamo ragionare in termini di efficienza e funzionalità offerte, con ogni probabilità Google Docs ha più frecce al suo arco. Tuttavia Word Online ha dalla sua il fatto di essere legato al programma di videoscrittura più famoso e diffuso del mondo.

Oltre agli strumenti di base per la creazione e la modifica di documenti, Google Docs offre moltissime funzioni interessanti e di materiali con cui realizzare testi di qualità.

Google Docs possiede diversi modelli di documenti, ha una funzione di revisione per tornare a versioni precedenti del file che si sta scrivendo e ci permette di condividere con assoluta facilità i documenti con altri utenti.

Questa semplicità di condivisione ci permetterà di collaborare molto facilmente con altri utenti, permettendo a questi o di commentare o di effettuare modifiche in tempo reale; il tutto approfittando del salvataggio automatico fin tanto che avremo una connessione a internet funzionante.

Grazie ai componenti aggiuntivi Google Docs ci permetterà anche di firmare i documenti, di creare grafici e diagrammi di flusso e molto altro ancora.

Dropbox Paper

word processor online

Dropbox Paper, raggiungibile a questo link, non è molto differente dalle applicazioni sopracitate ma porta con sé una completa integrazione con lo storage in cloud di Dropbox.

I documenti che creiamo con paper non vengono calcolati nel conteggio dello spazio disponibile sulla piattaforma. In altre parole in teoria ne possiamo creare un numero infinito.

Altro punto a vantaggio di Paper è da ritrovare nel supporto a Markdown, un linguaggio per la formattazione di documenti molto comune sul web.

Fonte foto: https://pixabay.com/it/photos/wordpress-blogging-scrittura-923188/


Come utilizzare la transizione Morphing in Powerpoint

Visualizzazione protetta in Excel: se e quando disattivarla