Anche Xiaomi lavora alla produzione di auto elettriche seguendo l’esempio di Apple e Huawei. La nuova sfida e la reazione dei mercati.

Xiaomi lavora alla produzione delle auto elettriche di proprietà e segue così la strada tracciata da Apple e Huawei, confermando una tendenza che sembra ormai consolidata. Basti pensare che la LG ha deciso di ritirarsi dal mercato degli smartphone per concentrarsi sulla produzione di componenti per auto elettriche, ma non solo. La necessità di ampliare i propri orizzonti nasce dal fatto che il mercato degli smartphone sembra destinato a calare con una riduzione considerevole dei profitti nei prossimi anni.

Xiaomi si lancia nella produzione delle auto elettriche

Xiaomi è sulla buona strada per la produzione di auto elettriche. Basti considerare che il marchio ha già avviato la produzione di monopattini elettrici.

In base alle informazioni note, quelle della società saranno auto elettriche a basso costo. La società vuole rimanere fedele all’immagine che si è creata nel mondo della telefonia. Vuole continuare ad essere un’alternativa a costi ridotti ma comunque valida. Con questa strategia e rimanendo fedele alla propria filosofia, in pochi anni Xiaomi si è meritata un posto di rilievo nel mercato degli smartphone, costruendosi un proprio perimetro di mercato.

Targa verde auto elettriche
Targa verde auto elettriche

I mercati premiano la notizia

La notizia è stata comunicata da Reuters e ha avuto un impatto positivo sui mercati, con le azioni della società che hanno fatto registrare un incremento considerevole del proprio valore. Indice del fatto che la Borsa crede in questa evoluzione di marchi che fino a qualche anno fa erano relegati al mondo di smartphone e computer.


MotoGP, Marquez può tornare a correre

Confindustria: “Recovery e vaccini cruciali per la ripresa”