Lo youtuber Ema Motorsport è morto all’età di 45 anni. Lo ha comunicato la famiglia con un post sui social.

ROMA – Lo youtuber Ema Motorsport è morto all’età di 45 anni. La notizia della scomparsa dell’uomo, seguito sui internet da migliaia di persone, è stata comunicata dalla famiglia. Come riportato da La Repubblica, Emanuele Sabatino (questo il suo vero nome ndr) è stato trovato senza vita nella propria officina nel pomeriggio di giovedì 9 dicembre 2021.

Aperta un’indagine per accertare meglio quanto successo, ma dalle prime ipotesi si pensa ad un gesto volontario. Non è chiaro il motivo e toccherà agli inquirenti provare a capire il motivo del suicidio.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Morto Ema Motorsport, la nota della famiglia

A comunicare la scomparsa, come detto, sono stati famiglia e amici con una nota. “Esprimiamo il nostro profondo cordoglio – si legge – per la prematura scomparsa di Ema […]. La sua storia e le sue iniziative lo hanno fatto diventare un riferimento nel web amato e stimato da milioni di persone. Nonostante questo, il successo non lo ha cambiato: è rimasto sempre un uomo dal cuore grande, un amico prezioso che si è preso cura di tutti noi senza pretendere nulla in cambio. Il suo sorriso e la sua vicinanza hanno saputo ristorarci ogni volta che abbiamo avuto bisogno“.

Ambulanza
Ambulanza

Chi era

Nato a Milano nel 1976, Emanuele Sabatino era riuscito a trasmettere la sua passione per il mondo della meccanica a migliaia di persone grazie ai video su Youtube e Facebook. Inoltre, era ‘sbarcato’ anche in televisione con programmi su canali dedicati ai motori.

La notizia della sua scomparsa è stata sicuramente appresa con molto dolore dalle diverse persone che in questi anni lo hanno seguito da vicino. Una vicenda, però, che ha ancora diversi punti da chiarire e per questo si mantiene il massimo riserbo.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 11-12-2021


Violenza sulle donne, femminicidi nel Mantovano e Catanese. A Civitavecchia giovane legata e abusata per tre giorni dal compagno

Variante Omicron, una versione è ‘invisibile’ ai tamponi rapidi?