Emergenza coronavirus in Italia: zona Rossa e zona Arancione, cosa cambia dal 22 marzo. I nuovi colori della penisola.

Lunedì 22 marzo entrano in vigore le nuove ordinanze contro la diffusione del coronavirus del ministro della Salute Roberto Speranza che cancellano l’unica zona Bianca presente in Italia e trasformano l’Italia in una macchia rossa a puntini arancioni. È questo sostanzialmente il quadro epidemiologico nel nostro Paese. La situazione è complessa se non addirittura grave, o comunque sopra la soglia di allerta.

Zona Rossa e zona Arancione, cosa cambia dal 22 marzo

La prima notizia, come anticipato, è che la Sardegna lascia la zona Bianca e quindi l’Italia è tutta Arancione e Rossa. Un passo indietro rispetto alla settimana precedente. Il Molise invece lascia la zona Rossa e raggiunge la zona Arancione, che al 22 marzo rappresenta la zona con meno restrizioni. Ricordiamo che il decreto legge approvato dal governo Draghi ad inizio marzo cancella la zona Gialla. Anche nelle Regioni con dati da fascia gialla si applicano infatti le regole della zona Arancione. Con una ordinanza, inoltre, il ministro della Salute Roberto Speranza ha prorogato la scadenza relativa alla zona Rossa per la Campania.

Roberto Speranza
Roberto Speranza

I colori delle Regioni

Andiamo a rivedere quindi la mappa dei colori dell’Italia dal 22 marzo.

Zona rossa: Campania, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Lombardia, Marche, Piemonte, Provincia Autonoma di Trento, Puglia, Veneto.

Zona arancione: tutte le altre.

Il lockdown di Pasqua

Ci avviciniamo intanto al cosiddetto lockdown di Pasqua, con tutte le Regioni, ad eccezione di quelle in zona Bianca, che diventeranno zona Rossa dal 3 al 5 aprile. Al momento non ci sono regioni in Zona Bianca, quindi tutta la penisola italiana dovrebbe ritrovarsi nella zona a maggior rischio e con misure più restrittive.

TAG:
coronavirus primo piano

ultimo aggiornamento: 22-03-2021


Germania, ministro Spahn nella bufera: ordinato mascherine alla società nella quale lavora il marito

Torino, 13 misure cautelari per gli scontri del 1 maggio 2019