11 luglio 1982, l’Italia vince la Coppa del Mondo contro la Germania

L’11 luglio 1982, dopo una cavalcata in crescendo, l’Italia sfida la Germania per la conquista della Coppa del Mondo. Gli azzurri si scatenano nella ripresa: gol di Paolo Rossi, Tardelli e Altobelli.

Il Mondiale del 1982 viene ospitato dalla Spagna, da pochi anni uscita dal Franchismo. I campioni in carica dell’Argentina sono guidati dalla stella nascente Maradona mentre il Brasile di Santana si presenta con una formazione imbottita di campioni. La solida Germania vuole dire la sua come sempre; la Francia di Platini può fare strada. E l’Italia? Gli azzurri volano in Spagna con tanti dubbi e critiche che investono direttamente Enzo Bearzot, reo di alcune decisioni molto discutibili: in particolare, la convocazione di Paolo Rossi – reduce dalla squalifica per il Calcioscommesse – a discapito del capocannoniere del campionato Pruzzo. L’Italia gioca a Vigo nel gruppo 1 e contro Polonia, Camerun e Perù non va oltre tre pareggi: la qualificazione arriva senza entusiasmare e a un certo punto Scirea e compagni decidono per il silenzio stampa. Nel gironcino successivo, però, Zoff e compagni si trasformano: 2 a 1 all’Argentina e, soprattutto, 3 a 2 al Brasile e pass per la semifinale. La Polonia viene spazzata via da una doppietta del rinato Paolo Rossi.

11 luglio 1982, il gol di Tardelli (fonte foto: si24.it)

11 luglio 1982, la finalissima a Madrid

Nell’altra semifinale, la Germania ha la meglio sulla Francia dopo una semifinale a tratti drammatica. Domenica 11 luglio 1982, al “Bernabeu” di Madrid, azzurri e tedeschi vanno a caccia del terzo titolo mondiale. Bearzot schiera una folta linea difensiva, lasciando spazio all’inventiva di Conti. Derwall si affida al Pallone d’oro Rummenigge. Graziani si fa male subito e lascia il campo per Altobelli. La grande occasione dell’Italia è sul piede di Cabrini, il quale calcia fuori il rigore concesso per fallo su Conti. Nella ripresa, il gol arriva al 57′ grazie al solito Paolo Rossi, perfetto nell’anticipo sul cross di Gentile. A metà del secondo tempo, Scirea si sgancia e serve a Tardelli un pallone che il centrocampista scaglia in rete di sinistro, prima di liberare il famoso urlo. Nei minuti finali Conti scappa in contropiede e Altobelli deposita in rete per il tris azzurro. Breitnar segna per il tabellino la rete della bandiera teutonica. L’Italia è campione del Mondo.

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures

ultimo aggiornamento: 11-07-2018

Fabio Acri

X