2 agosto 1980, la strage di Bologna: 85 morti e 200 feriti

La strage di Bologna è il più grave atto terroristico nel Dopoguerra. Alle 10.25, alla stazione centrale, un potentissimo ordigno provocò la morte di 85 persone. La magistratura ha condannato gli esponenti dei Nar.

Alle 10.25 del 2 agosto 1980 una violentissima esplosione alla stazione centrale di Bologna provoca il crollo dell’ala Ovest dell’edificio. La scena che si presenta ai primi soccorritori è devastante. Decide e decine di persone in attesa del proprio convoglio sono investite dall’esplosione: la stazione era affollatissima quel primo sabato d’agosto, per molti primo giorno di vacanza.

Bilancio gravissimo

Alla stazione centrale giungono decide di mezzi di soccorso; gli stessi sopravvissuti aiutano come possono. Sotto le macerie ci sono tanti corpi. Alla fine, il bilancio sarà drammatico e di portata devastante: 85 morti e 200 feriti. Si parlerà per sempre e inequivocabilmente di strage di Bologna.

La strage di Bologna (fonte foto: mappedimemoria.it)

Le indagini

Nelle prime ore immediatamente successive alla strage, s’avanzò l’ipotesi che l’esplosione potesse essere dipesa da una caldaia. Tuttavia, dopo i rilievi della scientifica si risalì alla bomba: dentro a una valigia abbandonata vi era un ordigno a tempo, composto da 23 kg di esplosivo, una miscela di 5 kg di tritolo e T4 detta Compound B, potenziata da 18 kg di gelatinato. Non c’erano dubbi sulla matrice terroristica.

La colpevolezza dei Nar

Anche la strage di Bologna, al pari di tanti altri eventi tragici del Dopoguerra, fu oggetto di depistaggi e misteri. La magistratura indirizzò le indagini verso il terrorismo nero, inquadrando l’attentato nell’ambito della cosiddetta “strategia delle tensione“. Nel 1995, non senza polemiche, i membri dei Nar (Nuclei Armati Rivoluzionari) Valerio Fioravanti e Francesca Mambro sono stati condannati all’ergastolo quali autori materiali della strage. A livello giudiziario le vittime e i parenti delle vittime della strage di Bologna hanno avuto giustizia anche se non è stata fatta piena luce nel complesso.

ultimo aggiornamento: 02-08-2018

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures
X