Alfa Romeo Giulia, nel 2019 potrebbe arrivare una coupé ibrida

Il sito britannico Autocar pubblica nuove indiscrezioni sul progetto dell’Alfa: un coupé spinto da un power train ibrido da 641 cavalli con ERS derivato dai motori Ferrari.

Secondo le indiscrezioni riportate dal portale britannico Autocar in un articolo datato 5 aprile 2018, l’Alfa Romeo starebbe preparando il lancio (previsto per il 2019) di una Giulia versione coupé. Bisogna anzitutto ricordare che l’azienda del Biscione è uno dei marchi che operano sotto l’egida del Gruppo FCA, la cui strategia commerciale, anche per l’Alfa, è decisamente orientata verso gli Sport Utility Vehicle, secondo una tendenza piuttosto diffusa nel mercato delle automotive. La presentazione potrebbe arrivare già a fine 2018 mentre il lancio sul mercato andrebbe collocato all’inizio del 2019.

Un motore ibrido da oltre 600 cavalli

La novità più significativa che caratterizzerebbe la nuova Alfa Romeo Giulia coupé è il motore. Stando alle indiscrezioni di Autocar.co.uk, l’Alfa sta sviluppando due motorizzazioni: una basata sul turbo diesel da 2 litri da 276 cavalli utilizzato per l’Alfa Romeo Giulia Veloce, l’altra derivata dal V6 turbodiesel da 2.9 litri della Giulia Quadrifoglio. Quest’ultimo dovrebbe arrivare a sviluppare una potenza massima pari a 641 cavalli, facendo della nuova Giulia coupé 2019 l’Alfa più potente mai prodotta, tanto da rivaleggiare con i 661 CV della Ferrari 488 (incrementati nella versione Pista). Il primo, invece, una volta sviluppato completamente, potrebbe arrivare ad erogare 345 cavalli.

Alfa Giulia Coupé
Fonte immagine: https://www.flickr.com/photos/69929929@N06/36173623213

Altra caratteristica importante sarà il Sistema di recupero dell’Energia (identificato in inglese dalla sigla ERS, ossia energy recovery system) che dovrebbe essere derivato dall’HY-KERS sviluppato da Ferrari e Magneti Marelli per le monoposto della Rossa. La versione approntata dalla Alfa dovrebbe sia ridurre le emissioni che ottimizzare i consumi, offrendo – secondo fonti vicino all’azienda – prestazioni addirittura superiori a quelle del set-up da Formula 1. Il rendimento delle batterie verrà invece ottimizzato con un sistema di raffreddamento a liquido. La trazione sarà posteriore e il power train sarà collegato ad un cambio automatico a otto rapporti ZF.

In attesa di eventuali riscontro ufficiali, non è possibile escludere dalla gamma delle possibili motorizzazioni anche allestimenti più ‘convenzionali’, come ad esempio i turbodiesel da 197 CV e 276 CV, oltre al V6 da 503 CV della Quadrifoglio.

Le (possibili) novità di design

Pur derivata dalla versione berlina, la nuova Giulia coupé dovrebbe presentare alcune novità anche in fatto di design. La parte frontale dovrebbe essere sostanzialmente la stessa mentre le principali innovazioni dovrebbero riguardare il posteriore. Il profilo del tetto dovrebbe essere diverso e le portiere più lunghe, così da facilitare l’accesso ai sedili posteriori: sulla scorta dell’ottimo successo del modello GT, l’Alfa dovrebbe puntare ancora sulla comodità delle sedute posteriori pur trattandosi di un coupé. Non è da escludere che l’azienda possa successivamente sviluppare anche una versione hatchback a cinque porte, così da poter sfidare sia l’Audi A5 Sportback sia la BMW Serie 4 Gran Coupé.

Fonte immagine: https://www.flickr.com/photos/jasonpier/5106625234

Fonte immagine: https://www.flickr.com/photos/69929929@N06/36173623213

ultimo aggiornamento: 06-04-2018

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures
X