Primo incontro tra il premier Draghi e i ministri sul dossier Alitalia. Nessuna decisione presa.

ROMA – Primo incontro tra il premier Draghi e i ministri interessati sul dossier Alitalia. Come riferito dall’Ansa, il presidente del Consiglio ha avuto una prima interlocuzione con Giogetti, Giovannini e Franco su uno dei temi più caldi degli ultimi giorni.

Il vertice è avvenuto poche ore dopo quello del Mise. Una riunione che ha visto il ministro Giorgetti incontrare i sindacati dopo i ritardi degli stipendi ai dipendenti e il mancato inserimento della cassa integrazione all’interno della busta paga. Nessuna decisione è stata presa, nei prossimi giorni si continuerà a parlare per trovare una soluzione.

Il dossier

Il dossier da tempo è sul tavolo di Palazzo Chigi. La crisi di governo ha un po’ rallentato la discussione e i sindacati hanno chiesto al ministro Giorgetti di accelerare per dare delle garanzie ai dipendenti.

Il primo incontro tra il premier Draghi e i ministri interessati è stato interlocutorio. Nessuna decisione presa, ma un vertice per fare il punto della situazione e capire come muoversi. Nei prossimi giorni i colloqui andranno avanti. L’ipotesi più probabile sembra essere quella di continuare sulla strada intrapresa dal precedente esecutivo per tutelare i dipendenti. Ma la situazione non è delle più semplici e non sono escluse novità.

Alitalia
Alitalia

La pandemia ha messo in ginocchio Alitalia

Una situazione resa ancora più difficile dalla pandemia. Il lockdown e la chiusura dei confini hanno messo in ginocchio Alitalia. Una ripresa per questo settore molto difficile in tempi brevi e per questo i sindacati chiedono maggiore protezione per i dipendenti.

Un quadro generale non chiaro. Il premier ha incontrato i ministri per fare il punto della situazione. Nei prossimi giorni i colloqui continueranno sia con i ministri che con i sindacati per cercare di trovare una soluzione.


Fisco, in arrivo la proroga per i versamenti rottamazione-ter e saldo e stralcio

Lavoro, nuovo vertice tra il ministro Orlando e le parti sociali