La somministrazione precoce del farmaco Anakinra riduce la mortalità nei pazienti con polmonite da moderata a severa.

Il farmaco Anakinra riduce la mortalità nei pazienti colpiti da polmonite da moderata a severa. Lo sostiene uno studio pubblicato da da Swedish Orphan Biovitrum AB (Sobi) e dall’Istituto Ellenico per lo Studio della Sepsi.

Laboratorio vaccino Coronavirus
Laboratorio Coronavirus

Anakinra riduce la mortalità nei pazienti con polmonite da moderata a severa

Lo studio SAVE-MORE ha analizzato 600 casi di pazienti ospedalizzati. In base a quanto emerso nella ricerca, il farmaco Anakinra, da tempo indicato come una possibile arma contro il Covid, riduce la mortalità nei pazienti con polmonite moderata o severa. E questo è lo scenario clinico nel quale si trovano i pazienti Covid costretti a fronteggiare un decorso grave della malattia. Il farmaco, a fronte di una somministrazione precoce e mirata, sarebbe in grado di ridurre la mortalità e insufficienze respiratorie gravi. La somministrazione del farmaco, si evidenzia nello studio, deve essere accompagnata dalle terapie standard per quanto riguarda la cura di questi pazienti.

Terapia intensiva coronavirus
Terapia intensiva coronavirus

Giammerellos-Bourboulis: “I risultati sono incoraggianti e rappresentano un passo avanti nel trattamento”

Si tratta del primo studio nel quale si valutano i pazienti chiaramente identificati come popolazione a rischio prima del ricovero in terapia intensiva (ICU). I risultati sono incoraggianti e rappresentano un passo avanti nel trattamento e nella prevenzione della progressione verso condizioni più critiche“, rende noto Giammerellos-Bourboulis come riportato dall’AGI.

Anche il Ceo di Sobi, Guido Oelkers, ha espresso soddisfazione per i risultati della ricerca: “Siamo lieti che Anakinra sia riuscito a dimostrare un beneficio significativo rispetto allo standard terapeutico in un’ampia gamma di risultati clinici“.

TAG:
coronavirus primo piano

ultimo aggiornamento: 05-05-2021


Il bacio a Biancaneve sotto accusa: “Non è consensuale”

Busto Arsizio, operaio di 49 anni morto schiacciato da un tornio. Landini: “Sta morendo una persona al giorno”. Grave una donna nel Trevigiano