Sono stati arrestati i cugini e lo zio di Mohammed bin Salman. Ad autorizzare il fermo è stato proprio il principe: “Tentavano il golpe”.

RIAD (ARABIA SAUDITA) – Sono stati arrestati i cugini e lo zio di Mohammed bin Salman. Il blitz delle autorità locali è scattato dopo l’autorizzazione dello stesso principe al fermo dei tre alti membri della famiglia reale perché erano pronti a fare un golpe.

Una mossa da parte del futuro re dell’Arabia Saudita per cercare di avvicinare il trono. Il padre, infatti, è gravemente malato e lo zio poteva essere scelto per la successione al genitore.

Terza dose Vaccino, a chi spetta prima e quanto dura.

Arrestati i cugini e lo zio di Mohammed bin Salman. Il principe: “Tentavano il golpe”

Tentavano il golpe“. Con questa motivazione il principe Mohammed bin Salman ha motivato l’arresto dello zio e dei cugini. In realtà alla base c’è un’altra motivazione. In Arabia Saudita la linea ereditaria negli ultimi tempi è andata da fratello a fratello e quindi la presenza dell’uomo più anziano rischiava di mettere a serio rischio la sua ascesa al trono.

Il re è gravemente malato e poteva decidere di affidare il trono al fratello e non al figlio. Un rischio che bin Salman non poteva prendersi e per questo ha deciso di arrestare i cugini e lo zio.

Arresto Polizia
Arresto Polizia

Fermi non confermati a Riad

Come succede solitamente in Arabia Saudita i fermi non sono stati confermati da Riad ma svelati dalla stampa americana. Secondo i media Usa, il capo di imputazione per questi tre fermi è di tradimento. Accusa che potrebbe portare alla pena capitale.

Con questi arresti Mohammad bin Salman ha la strada spianata per cercare di succedere al padre prima di novembre, quando l’Arabia Saudita ospiterà il G20. Nessuno stop, quindi, all’ascesa del principe che continua ad avere libertà nelle scelte politiche del suo Paese.

Riproduzione riservata © 2021 - NM

ultimo aggiornamento: 07-03-2020


Donna uccisa ad Imola, marito fermato per omicidio volontario

Scuole chiuse, oltre 5 milioni di lavoratori in difficoltà