Attacco con coltello in Svezia. Un ragazzo di 20 anni ha accoltellato alcune persone. La polizia: “E’ terrorismo”.

STOCCOLMA (SVEZIA) – Paura in Svezia per un attacco con coltello avvenuto nella città di Vetlanda. Come riportato da Fanpage, un ragazzo di 20 anni ha colpito con diversi fendenti almeno otto persone. Almeno due delle persone ferite sarebbero in gravi condizioni.

L’aggressore è stato colpito dalla polizia e portato in ospedale. Nelle prossime ore sarà interrogato per fare luce sui motivi di questo gesto che, secondo le ultime indiscrezioni, sarebbe di matrice terroristica.

L’attacco

L’attacco è avvenuto intorno alle 15 locali nei pressi della stazione della cittadina svizzera. L’aggressore ha attacco i passanti con un coltello o, come riferito da alcuni media, con un’ascia. Otto le persone rimaste ferite e due di loro sarebbero in gravi condizioni.

Immediata la reazione da parte della polizia. Le forze dell’ordine hanno colpito il giovane e trasportato d’urgenza in ospedale per le ferite riportate. Nelle prossime ore il ragazzo sarà interrogato per accertare i motivi di questo gesto.

Ambulanza
Ambulanza

Le indagini

Le indagini sono state avviate subito dopo l’attacco. In un primo momento si era parlato di un sospetto tentato omicidio, ma con il passare del tempo si è parlato di possibile crimine terroristico.

“Diverse persone sono gravemente ferite – ha detto il ministro dell’Interno Mikael Damberg – questi sono fatti terribili e il mio pensiero va alle vittime e ai loro parenti. In questo momento non è chiaro esattamente cosa sia successo e quale fosse il motivo. La polizia ha arrestato un sospetto e avviato un’indagine”.

La situazione a Vetlanda è ritornata alla normalità dopo che le autorità hanno fermato l’aggressore e messo in sicurezza la zona.

Sono ancora diversi i punti da chiarire e le indagini proseguiranno nelle prossime settimane anche per capire se si è trattato di un attacco solitario oppure dietro c’è una organizzazione.


Vaccini Covid, Mise: “Aziende pronte a produrre il principio attivo entro l’autunno”

Vaccini Covid, una sola dose per chi è guarito. Via libera del Ministero