Il nuovo sistema dei pedaggi delle Autostrade è stato duramente criticato da Confindustria: “Situazione di incertezza”.

ROMA – Nuovo affondo di Confidustria al Governo. La Confederazione boccia il nuovo sistema di pedaggio deciso per le autostrade: “Si è creata una situazione di incertezza e di potenziale conflittualità“. Gli industriali chiedono alla maggioranza di aprire un confronto per scongiurare “l’apertura di un contenzioso” e “un blocco degli investimenti autostradali, dannoso e inaccettabile per le prospettive di ripresa e per l’immagine internazionale del Paese“.

Vaccino Covid-19, vuoi scoprire quando sarà il tuo turno?

Confidustria – come riportato da Il Fatto Quotidiano – si augura una “verifica dell’applicazione delle delibere dell’Autorità di regolazione dei trasporti e definire tempi più ragionevoli di adeguamento di piani economico-finanziari per loro natura estremamente complessi e impegnativi“.

Al momento non sono previsti incontri tra Governo e le concessionarie. La maggioranza non sembra avere intenzione di fare un passo indietro nella vicenda. Confidustria ha lanciato un allarme per provare a rivedere la decisione che l’esecutivo giallo-verde ha preso nei mesi scorsi nel tentativo di riformare un po’ la questione autostrade.

Confindustria
fonte foto https://www.facebook.com/confindustria/

Autostrade, Atlantia cede il 30% di Telepass

Mentre Confindustria chiede un incontro tra Governo e le concessionarie, Atlantia starebbe valutando la possibilità di cedere il 30% di Telepass, il gioiello tecnologico italiano che permette il passaggio e il pagamento automatico ai caselli. La cessione sarebbe stata affidata agli advisor che sono in contatti con i possibili acquirenti per chiudere un affare che l’azienda ha giudicato possibile. La valutazione si aggira intorno a 2 miliardi di euro.

Indiscrezioni parlano di un ingresso dopo l’estate da parte di nuovi investitori di minoranza per poi chiudere definitivamente entro la fine del 2019. La tecnologia Telepass attualmente viene utilizzata in Spagna, Portogallo, Francia e Italia con le automobili mentre per i mezzi pesanti è attivo in 11 Paesi. Ma in futuro ci potrebbero essere delle importanti novità in questo senso.

fonte foto copertina https://www.facebook.com/confindustria/

Vaccino Covid-19, vuoi scoprire quando sarà il tuo turno?


I lavoratori del Sud contro il governo

Visco avverte l’Italia: se si alimenta la paura i mercati ne risentono