Silvio Berlusconi dichiara: “Nessun ministero a Ronzulli. La Russa votato da Terzo Polo e senatori a vita”.

Silvio Berlusconi ha fatto sapere che la trattativa sulla composizione del nuovo governo “è finita” e alla senatrice non spetterà nessun ministero, cosa che “non va bene perché non si devono dare i veti”. Forza Italia ha deciso di non votare per il Senato, ad eccezione dell’ex premier e la Casellati. Silvio spiega: “Abbiamo voluto dare un segnale che non si devono dare i veti sulle persone. Avevamo fatto i calcoli che lo avrebbero votato tutti lo stesso”.

Silvio Berlusconi
Silvio Berlusconi

Silvio Berlusconi torna in Senato, e oggi a Palazzo Madama è un gran giorno colmo di tensioni, festeggiamenti e dibattiti. Insomma, non ci siamo fatti mancare proprio nulla. Termina dopo lunghe attese la formazione del nuovo governo Meloni, e con esso si evince la nomina di Ignazio La Russa come nuovo presidente del Senato.

La presa in considerazione di Licia Ronzulli per la nomina dei ministri alla fine è stata debellata, e il dispiacere dell’ex premier si fa sentire: “Nessun ministero alla Ronzulli, e non va bene perché non si devono dare i veti”.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Dopo la nomina di La Russa

Per quanto riguarda i voti per la nomina di La Russa, Forza Italia non ha partecipato, ad eccezione di Berlusconi ed Elisabetta Casellati. A votazioni terminate, il leader di Fi scrive su Twitter: “Sono lieto per l’elezione di Ignazio La Russa a presidente del Senato della Repubblica. Non solo non ho mai avuto alcuno scontro con lui ma stiamo collaborando lealmente e in pieno accordo per dare al Paese un assetto istituzionale stabile e un governo forte e coeso”.

E a chi gli chiede chi a suo avviso abbia votato per il nuovo presidente del Senato – eletto anche con voti provenienti fuori dal perimetro del centrodestra – ha replicato “il Terzo Polo e i senatori a vita”.

Ma ecco che in giornata è avvenuta una lite accesa tra Berlusconi e La Russa, durante la votazione a Palazzo Madama. I toni si sono alzati e con essi anche qualche insulto di più, e sembra che l’ex premier avrebbe sbattuto i pugni sul tavolo prima di citare quel presunto “Vaffa…”. Non è chiaro se fosse davvero rivolto a La Russa o meno.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

Speciale Governo

ultimo aggiornamento: 13-10-2022


Battibecco Berlusconi-La Russa, e scatta un “Vaffa…”

Quanto guadagnano i parlamentari?