Mattia Binotto sullo sviluppo della Ferrari: “Abbiamo a disposizione una potenza extra che ci permette di essere competitivi”.

ROMA – Mattia Binotto in una delle ultime interviste è ritornato a parlare dello sviluppo della Ferrari. “In questo momento la potenza extra ci permette di avere maggiore velocità sia sul rettilineo che in curva – ha ammesso l’ingegnere citato da La Gazzetta dello Sport e nel weekend di Austin abbiamo raggiunto quasi tutti gli altri. Dunque il passo fatto è sicuramente importante, ma siamo consapevoli che c’è ancora un gap da colmare rispetto al motore migliore, ma pensiamo che il divario sia meno drammatico rispetto agli anni precedenti“.

Terza dose Vaccino, a chi spetta prima e quanto dura.

Binotto sul duello con la McLaren

Binotto ha parlato anche del duello con la McLaren: “In linea generale penso che negli Stati Uniti abbiamo dimostrato di essere più forti dei nostri avversari anche se il circuito per la nostra macchina, almeno in teoria, e per questo motivo sono sicuramente molto soddisfatto […]. Certamente l’aiuto della power unit è stato importante e sono fiducioso per i prossimi appuntamenti della stagione“.

L’obiettivo resta sempre quello di sfruttare le occasioni per salire sul podio anche se per la vittoria serve ancora fare un ulteriore step e si spera di poterlo fare il prossimo anno con i nuovi aggiornamenti.

Mattia Binotto
Mattia Binotto

Ferrari in crescita

La Ferrari comunque ha dimostrato di essere in continua crescita e sicuramente il prossimo anno vedremo una Rossa diversa da quella delle ultime stagioni. A Maranello sono al lavoro e presto potrebbe prendere forma la nuova monoposto con tutte le modifiche previste dalle nuove regole.

L’obiettivo da parte di Leclerc e Sainz è quello di ritornare a lottare per la vittoria il prima possibile e sperare di riportare la Ferrari nel più breve tempo a conquistare un titolo mondiale che ormai manca da diverso tempo a Maranello.

Riproduzione riservata © 2021 - NM

ultimo aggiornamento: 29-10-2021


Il ‘test segreto’ di Schumacher con l’Aprilia nel 2009

Marquez: “Il recupero è stato lungo e difficile. Non sono ancora al 100 per cento”