Novità per quanto riguarda le bollette di luce e gas. Dal 1° luglio potranno essere consultate online sul nuovo Portale Consumi.

ROMA – Novità per quanto riguarda le bollette luce e gas. Dal 1° luglio è attivo il Portale Consumi dell’Arera che permette di consultare online i consumi. Un provvedimento che fa parte della legge di bilancio ed ha come principale obiettivo quello di verificare la situazione al consumatore.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Bollette luce e gas
Fonte foto: https://www.facebook.com/silasystems

Bollette luce e gas, come funziona il portale

Il portale funziona in modo molto semplice. Per accedere ai servizi online c’è bisogno di un username e di una password che possono essere richiesti attraverso un modulo online oppure oppure chiamando il numero verde 800 166 654.

Si tratta di una novità molto importante che consentirà al consumatore di vedere in tempo reale le bollette da pagare ma anche quanto sborsato nei mesi precedenti e i consumi fatti nel corso dell’anno. Al momento sarà possibile consultare solamente l’ultimo anno ma con il passare dei mesi questo archivio diventerà sempre più ricco.

Bollette luce e gas, chi potrà accedere al portale

Al portale – scrive il Corriere – potrà accedere solo quelli che hanno un contatore installato di ultima generazione. Questo, infatti, rendono le letture dei dati disponibili in modo continuo ma molto dipenderà anche dalla frequenza con la quale queste verranno messe a disposizione del Sistema Informativo Integrato e cioè del database per le informazioni dei clienti del mercato libero e del tutelato.

Al momento è possibile consultare gli ultimi dodici mesi dei consumi ma con il passare dei mesi questo archivio diventerà molto più folto. Il portale, però, ha in programma anche l’inserimento di altre funzioni come per esempio l’opportunità per il consumatore di verificare tutte le offerte e cercare quella più consona. Il tutto è partito dal 1° luglio e nelle prossime settimane si avranno i primi risultati.

fonte foto copertina https://www.facebook.com/silasystems


Mattarella: Non vedo ragioni per l’apertura di una procedura d’infrazione

L’ultima mossa dell’Italia: approvato un provvedimento anti-procedura