Borse 31 agosto 2021, seconda seduta della settimana e ultima del mese complicata per i mercati europei.

MILANO – Borse 31 agosto 2021. Dopo un inizio di settimana positivo, i mercati del Vecchio Continente sono tornati deboli.

Un trend che sembra essere strettamente legato alle incertezze dovute al coronavirus. Nonostante gli ottimi dati sul Pil del secondo trimestre, i mercati continuano a temere la variante Delta e sicuramente il mese di settembre sarà decisivo per capire l’andamento del coronavirus e le eventuali restrizioni per provare a fermare l’aumento dei contagi. La situazione, al momento, continua ad essere abbastanza sotto controllo e per questo motivo non ci aspettiamo frenate immediate.

Milano in rosso

Per Milano una seconda seduta in rosso anche se Piazza Affari lasciando per strada solamente lo 0,06% è stata la migliore del Vecchio Continente. Peggio hanno fatto sia Francoforte (-0,33%) che Parigi (-0,11%), mentre Londra nella prima sessione della settimana ha perso lo 0,4%.

Andamento completamente opposto in Asia. Tutti gli indici hanno registrato un trend positivo, con Seul la migliore (+1,75%). Bene anche Tokyo (+1,08%), Hong Kong (+0,9%) e Shanghai (+0,43%). Un trend che rischia di non essere confermato nella terza seduta della settimana vista la chiusura complicata a Wall Street. Il Nasdaq ha perso lo 0,04%, mentre il Dow Jones lo 0,11%.

Green Pass, tutte le regole dal 1 settembre

Wall Street
Wall Street

I mercati in tempo reale

Spread in rialzo

E’ ritornato in forte rialzo anche lo spread. Il differenziale ha chiuso in area 109 punti, con il rendimento decennale che si è portato allo 0,7%. Per quanto riguarda l’euro, invece, una chiusura avvenuta quasi ai massimi da inizio agosto. La moneta europea è stata scambiata sopra 1,18 dollari con un guadagno del +0,09%.

Parlando del petrolio, invece, il contratto Wti in scadenza a ottobre ha perso l’1,01% passando la mano a 68,51 dollari al barile.


Quarantena Covid, Unimpresa: “I lavoratori rischiano di perdere tra i 500 euro e 1.000 euro al mese in busta paga”

Bonus tv, quadruplicate le vendite. Ancra: “Prezzo medio 500-550”