Borse 5 agosto 2021, quarta seduta della settimana. Tokyo in positivo. Piazza Affari in rialzo.

MILANO – Borse 5 agosto 2021. Siamo entrati nella seconda parte della settimana dei mercati e Piazza Affari si è confermata in rialzo dopo una buona giornata di mercoledì.

Una seduta che è stata caratterizzata sicuramente dai dati sulla disoccupazione americana. Secondo quanto riferito da La Repubblica, le richieste settimanale sono scese di circa 14mila unità e si sono attestate intorno a 385mila, in linea con le attese degli addetti ai lavori. Questo ha permesso ai mercati di guardare con fiducia al futuro. Visione positiva anche da parte della Bce, anche se la variante Delta resta un rischio importante per la ripresa dell’economia.

Tokyo in positivo, bene Milano

Milano ancora una volta in positivo. In questa quarta seduta della settimana Milano ha guadagnato lo 0,69%, la migliore del Vecchio Continente in questa sessione. Bene anche Parigi (+0,52%) e Madrid (+0,5%). In positivo Francoforte (+0,3%), mentre Londra ha lasciato per strada lo 0,05%.

La giornata dei mercati si è aperta con il buon andamento di Tokyo, che ha guadagnato lo 0,41%. Male, invece, Hong Kong (-0,29%). Più o meno invariata Shanghai (-0,05%). In rosso anche Seul (-0,13%). Un trend che potrebbe cambiare nell’ultima seduta della settimana visto l’ottima chiusura registrata a Wall Street. Il Dow Jones ha guadagnato lo 0,78% al termine della seduta. E lo stesso ha fatto il Nasdaq.

Green Pass, tutte le regole dal 1 settembre

Wall Street
Wall Street

I mercati in tempo reale

Spread in calo

Chiusura in calo per lo spread. Il differenziale ha terminato la seduta in area 102 punti, con il decennale che si è assestato allo 0,52%. Più o meno invariato l’euro. La moneta europea in questa seduta ha chiuso con un rosso dello 0,03% passando di mano a 1,1831 dollari.

Per quanto riguarda il petrolio, c’è stato un rimbalzo dopo quanto successo nella giornata di mercoledì. Il contratto Wti, in scadenza a settembre, ha guadagnato l’1,67%.


I colossi del web dovranno riconoscere un equo compenso agli editori

Bce: “L’economia dell’area euro procede verso una forte crescita nel terzo trimestre”