Brexit, nel Regno Unito cambiano i passaporti: scompare la scritta European Union, entro la fine del 2020 i documenti dovrebbero tornare ad essere di colore blu. Ma prodotti da un’azienda ‘comunitaria’.

Manca l’accordo sulla Brexit ma l’uscita da Londra dall’Unione europea inizia a mostrare i suoi segni tangibili. Come testimoniato dalle foto condivise sui social dai cittadini britannici, sui nuovi passaporti rilasciati nel Regno Unito è sparita la scritta European Union.

Di seguito uno dei tweet in cui gli utenti mostrano i nuovi documenti

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Brexit, sui nuovi passaporti manca la dicitura European Union

La modifica sul documento ha sollevato critiche nel Regno Unito ma ha una spiegazione. I documenti sono stati infatti preparati dallo scorso 29 marzo, la data fissata per l’uscita di Londra dall’Unione europea. Uscita che, come noto, non è ancora avvenuta e non è chiaro quando e se possa avvenire.

Ma c’è di più. Entro la fine del 2020 i passaporti cambieranno anche colore tornando al blu pre-Unione europea. Proprio questi documenti però, stando ad alcune indiscrezioni, sarebbero prodotti da una società franco-olandese, quindi appartenente all’Unione europea.

La Brexit è infatti slittata (al momento a data da destinarsi) a causa del mancato accordo tra l’Unione europeo e Londra. Theresa May ha chiesto un rinvio breve a Bruxelles chiedendo di fissare la data per l’uscita di Londra dall’Ue per il prossimo 30 giugno. Al momento l’impressione è che la richiesta possa essere respinta alla luce delle prossime Elezioni europee, proprio a ridosso della data proposta per la Brexit.


Libia nel caos, le milizie di Haftar prendono l’aeroporto di Tripoli. Le forze di Al Sarraj al contrattacco

Messico, italiano ucciso in un ristorante