Rivoluzione sul mercato: addio ai prestiti? Ecco la proposta della FIFA

Calciomercato, la FIFA pensa all’annullamento dei prestiti. Basta alle società satellite e alla speculazione sui giovani calciatori.

FIFA – Il noto quotidiano France Football ha rivelato una clamorosa indiscrezione sul nuovo calciomercato ideato dalla FIFA che, stando a quanto riportato dal quotidiano francese, vorrebbe vietare i prestiti, una strategia per evitare che i club speculino sui giovani calciatori.

L’operazione avrebbe l’effetto anche di eliminare il fenomeno delle così dette squadre filiali, ossia di quelle società più piccole che collaborano con quelle più grandi in un rapporto certamente vantaggioso per entrambe ma che getta troppi dubbi sullo svolgimento dei campionati.

Altra idea della FIFA è inoltre quella di dare un limite ai giocatori tesserabili per ogni squadra.

Calciomercato: la ‘rivoluzione’ della FIFA

Le idee proposte dalla FIFA saranno sottoposti il prossimo mese di ottobre al comitato esecutivo della Federcalcio mondiale che avrà così la grande responsabilità di fatto di decidere del futuro del Calcio che, dopo l’introduzione della VAR in molti dei campionati maggiori, va ora incontro a una nuova riforma che ha lo scopo di provare a livellare le competizioni diminuendo il gap tra i top club e le squadre di metà classifica.

L’idea della FIFA sarebbe quella di provare a mettere tutti i club più o meno nelle stesse condizioni per rendere più competitive tutte le competizioni e dare un colpo al monopolio milionario delle varie Psg, Real Madrid, Manchester City e Barcellona.

Coupe de la Ligue 2018
Il PSG vince la Coupe de la Ligue 2018 (fonte foto https://twitter.com/CoupedelaLigue)

Addio ai prestiti: i rischi non calcolati

Il rischio legato all’annullamento dei prestiti è quello di rendere decisamente più difficile la vita ai giovani calciatori. Senza la possibilità di mandare i giovani in prestito per fare esperienza, le grandi squadre potrebbero investire e scommettere meno sui giocatori provenienti dai Settori Giovanili e concentrarsi sui calciatori già affermati acquistandoli all’estero, una pratica già particolarmente diffusa in un’Italia che il prossimo mondiale lo seguirà dalla televisione.

ultimo aggiornamento: 10-04-2018

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures
X