Calenda: "Cuffaro come può dichiarare di controllare voti, per chi o che cosa?"
Vai al contenuto

Direttore: Alessandro Plateroti

Calenda: “Cuffaro come può dichiarare di controllare voti, per chi o che cosa?”

CARLO CALENDA

Le dichiarazioni di Totò Cuffaro e Carlo Calenda riguardo al controllo dei voti in Sicilia e le posizioni di Italia Viva.

La politica italiana è nuovamente teatro di accesi confronti, stavolta tra Totò Cuffaro, ex governatore della Sicilia, e Carlo Calenda. Cuffaro, con un passato giudiziario controverso per favoreggiamento alla mafia, ha recentemente fatto affermazioni significative sul suo ruolo nel movimento elettorale siciliano. Durante un’intervista concessa al ‘Il Riformista’, ha dichiarato: “Con l’ultima elezione regionale, due anni fa, abbiamo mosso 140 mila elettori. Pensiamo in Sicilia di muovere 250.000 voti“, sottolineando un ambizioso obiettivo per il prossimo futuro.

Bonus 2024: tutte le agevolazioni

Carlo Calenda
Carlo Calenda

La critica di Calenda e la difesa di Cuffaro

Queste dichiarazioni non sono passate inosservate, suscitando la reazione critica di Carlo Calenda, che ha espresso il suo scetticismo e disapprovazione attraverso un post su X: “Ma è possibile che Cuffaro, tornato alla ribalta dopo essere stato in carcere, possa dichiarare impunemente di controllare 140.000 voti? Come li controlla? Per mezzo di chi o che cosa?“. Questo intervento di Calenda mette in luce dubbi sulla legittimità delle affermazioni di Cuffaro e sulla trasparenza del suo impatto politico.

In risposta, Cuffaro ha immediatamente replicato, accusando Calenda di non comprendere a fondo le sue parole: “Nella mia intervista al Riformista dico che la Democrazia Cristiana per le regionali ha mosso 140 mila voti e che oggi ne vale almeno 250 mila. Le sue maldestre affermazioni, che mi fanno dichiarare che io controlli 140 mila voti e le sue subdole esortazioni a chiedere (a chi?) come li controlli, sono ridicole, tendenziose e confermano la sua antipatia per la democrazia e la libera scelta per un voto ideale e di valori“.

Italia Viva prende le distanze

Italia Viva, attraverso un comunicato stampa, ha preso le distanze da eventuali alleanze con la Democrazia Cristiana di Cuffaro per le prossime elezioni europee. L’ufficio stampa del partito ha dichiarato: “Come già detto e ribadito non ci sarà alcun accordo tra Italia Viva e Dc di Totò Cuffaro per le prossime europee. Italia Viva si presenterà insieme a Più Europa, PSI, Libdem nella lista Stati Uniti d’Europa. Rilanciare questa notizia tutti i giorni significa semplicemente rilanciare una fake news“.

Riproduzione riservata © 2024 - NM

ultimo aggiornamento: 11 Aprile 2024 12:27

Il piano di Giuseppe Conte: vuole “prendersi” il Tg3

nl pixel