Qual è la carta di credito delle Pose Italiane? Cos’è BancoPosta? Ecco le risposte a tutte queste domande e non solo.

Esiste una carta di credito delle Poste Italiane? Come si fa ad averla? Quali sono i costi? Se vate un conto BancoPosta o se avete intenzione di aprirne uno potresti porvi questi quesiti più che leciti. D’altronde quello di poter avere a disposizione una o più carte di credito è un servizio molto utile, soprattutto ora che il mondo dell’e-commerce e degli acquisti on line si sta espandendo sempre di più ed è sempre più comune utilizzarle anche per questi scopi. A queste e a altre domande collegate risponderemo in questo articolo.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

BancoPosta, la carta di credito delel Poste Italiane

Se avete un conto corrente alle Poste avrete sentito parlare della carta Bancoposta: è una carta di credito? La risposta è sì. Anzi, sarebbe meglio parlare al plurale visto che sono ben 3 le carte BancoPosta disponibili. Quali sono? Carta di credito BancoPosta Classica, Carta di credito BancoPosta Oro e Carta di credito BancoPosta Più. Vediamole e conosciamole meglio nel dettaglio.

carta credito prepagata bancomat
carta credito prepagata bancomat

BancoPosta, carta di credito Classica: l’offerta base per le esigenze di ogni giorno

La carta di credito BancoPosta Classica è perfetta per chi ha bisogno di una carta a saldo, senza molti servizi accessori. I costi, però, non sono molto vantaggiosi visto che questa carta di credito delle Poste Italiane ha un canone annuo di 37 euro. Se vogliamo una carta aggiuntiva, il costo è di 25 euro all’anno. Il plafond della carta di credito delle poste è pari a 1600 euro mensili, livello che può essere anche alzato dopo la verifica delle garanzie reddituali. Essendo il rimborso a saldo e non rateizzabile, non ha alcun tasso di interesse e viene addebitato il 28 del mese successivo. L’estratto conto però viene rendicontato dieci giorni prima, cioè il 18 di ogni mese. Le nuove carte permettono il pagamento contactless.

BancoPosta Oro, la carta di credito delle Poste con maggiore capienza

La carta di credito BancoPosta Oro, dedicata a una clientela più ristretta, ha un fondo di partenza pari a 5200 euro mensili, ovviamente con la possibilità di aumentarlo. Il costo di 55 euro annui per la carta principale è molto elevato, ma a parità di servizi offerti da quella classica, la carta oro delle Poste Italiane garantisce un maggior numero di possibilità di utilizzo e una maggiore copertura assicurativa. il rimborso avviene dopo 40 giorni; il costo per una carte aggiuntiva è di 35 euro. Questa tipologia di carta di credito permette anche di rimborsare i soldi spesi tramite rate mensili e non solo a saldo a totale.

Carta BancoPosta Più, l’opzione flessibile

La terza opzione è la carta BancoPosta Più, che è una via di mezzo tra le due precedenti opzioni di Poste Italiane. Rispetto alla versione classica, questa consente di scegliere sia la tipologia di rimborso sia il plafond, il quale può variare tra 2600 e 3600 euro. Il canone annuo è leggermente più basso, visto che è pari a 37 euro annui e, a differenza delle altre, l’addebito avviene il 12 del mese successivo. Questa carta permette anche di effettuare bonifici verso il nostro conto BancoPosta, attingendo alla disponibilità che poi possiamo restituire anche a rate.

La carta di credito Poste Italiane revolving: una opzione non più disponibile

Per chi preferisce questo tipo di carte di credito, in cui le spese vengono rimborsate attraverso una quota mensile, esisteva anche la carta di credito CREDit-easy, che però non è più disponibile. Poste Italiane, nelle carte di credito offerte, ha inserito alcune opzioni che le rendono utilizzabili anche per gli acquisti rateali.  Per avere maggiori informazioni sulle tipologie di carte esistenti e sul modo di richiederle, possiamo fare riferimento direttamente alla sezione Carte del sito di Poste italiane, dove sono visibili anche le carte di debito e le postepay.

Carte di credito revolving: possiamo “trasformare” la nostra carta bancoposta.

Teniamo presente che però le nuove versioni delle carte bancoposta permettono di decidere fra il rimborso a saldo il rimborso rateale. Questa operazione si può fare con una telefonata al servizio clienti e di fatto permette di trasformare ogni carta di credito di Bancoposta una revolving. Banco Posta Più permette di decidere con più flessibilità quale tipo di rimborso scegliere, mentre per Classica e Oro è necessario contattare il servizio clienti.

Per scoprire le condizioni per il rimborso rateale è sufficiente consultare la scheda tecnica dei prodotti. Si può raggiungere facilmente dalla prima pagina della gamma Carte di Credito, www.poste.it/gamma/carte-di-credito.html.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 16-12-2021


La Bce lascia i tassi invariati. Nel 2021 crescita del 5,1 per cento

L’Economist premia l’Italia: è il Paese dell’anno 2021