Caso Leclerc, Charles è scontento e non lo nasconde, la Ferrari rischia di perderlo Nelle ultime gare della stagione si dovrà capire se la convivenza con Vettel è possibile.

Charles Lecler è scontento e non lo nasconde. Al termine del Gp di Singapore il malumore del monegasco era evidente e il giovane rampollo della Ferrari ha comunicato ai box di essere giù di morale. La situazione non è migliorata dopo il Gp di Russia, con i due ferraristi che si sono accusati di scarsa lealtà. Come se non avessero concordato una strategia di gara. Cosa che invece hanno fatto con Mattia Binotto, unico detentore della realtà che sa come si sarebbero dovuti comportare i due piloti dopo il via.

Leclerc è scontento, la Ferrari rischia di perderlo

Il rischio – sempre più concreto – è che la Ferrari possa perdere Leclerc. È il risvolto della medaglia del grande vantaggio di avere un talento giovanissimo. Il monegasco crede di poter essere il primo pilota, e in larga parte ha dimostrato di potersi mettere alle spalle Sebastian Vettel. Le scelte improvvisate e diplomatiche della Ferrari alla lunga potrebbero non bastare. La Scuderia deve prendere una decisione, una posizione. Uno dei due piloti deve essere messo al centro del progetto.

L’altro dovrà adeguarsi o imboccare l’uscita per iniziare una nuova avventura. Sacrificare Leclerc sarebbe da folli, affidargli il ruolo di protagonista potrebbe essere un azzardo, ma l’impressione è che la scommessa potrebbe essere vincente.

Charles Leclerc
Montmelo’ (Spagna) 18/02/2019 – test F1 / foto Federico Basile/Insidefoto/Image Sport nella foto: Charles Leclerc

La gestione dei piloti

Con il Mondiale saldamente nelle mani della Mercedes e di Lewis Hamilton, la Ferrari deve pensare al futuro. Sia per quanto riguarda gli aggiornamenti e lo sviluppo della macchina che per quanto riguarda la gestione dei piloti. Nelle ultime gare della stagione a Maranello dovranno capire se Leclerc e Vettel possono convivere, altrimenti dovranno prendere una decisione.


MotoGP, Marc Marquez diventa campione se…

Formula 1, la McLaren ritorna al passato: motore Mercedes per la scuderia di Woking