Carriera e vita privata di Alessandro Nesta: secondo la Fifa, tra i 125 migliori giocatori della sua generazione!

Alessandro Nesta si afferma sul campo come uno dei migliori difensori centrali grazie alle sue doti tattiche, fisiche e difensive. Fin dagli anni ’90 riesce ad aggiudicarsi tra i più importanti premi e riconoscimenti della storia, nonostante i diversi infortuni da cui però è riuscito a riprendersi. Già da bambino a calciare il pallone, diventa presto uno dei giocatori italiani più amati. Una delle carriere sportive più sorprendenti: ecco cosa c’è da sapere sul grande Alessandro Nesta!

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Biografia e carriera di Alessandro Nesta

Nasce a Roma il 19 marzo 1976 da una famiglia storicamente laziale. Dopo aver iniziato da bambino a giocare alla scuola calcio con suo fratello Fernando, il piccolo Alessandro mostra subito tutte le sue doti.

Alessandro Nesta
Alessandro Nesta

Dopo la proposta rifiutata – a causa del dissenso del padre – di giocare nella Roma, nel 1985 Nesta entra nel settore giovanile della Lazio come attaccante e centrocampista e poi come difensore. Pochi giorni prima del suo 18° compleanno esordisce in serie A mettendosi in evidenza come difensore di classe. Nella stagione 1997-1998 vince la Coppa Italia battendo in finale il Milan, ma si arrende all’Inter in finale di Coppa UEFA. Dopo un infortunio ai legamenti nel 1998, torna in campo da neo-capitano aggiudicandosi i primi due trofei a livello internazionale: la Coppa delle Coppe 1998-1999 e la Supercoppa europea. La grande vittoria arriva nella stagione 1999/2000, quando la Lazio conquista sia il campionato che la Coppa Italia, e poi anche la seconda Supercoppa Italiana contro l’Inter.

Passaggio al Milan e Montreal Impact

Dopo il Mondiale in Corea del Sud e Giappone, Nesta si trasferisce al Milan per 31 milioni di euro con cui gioca per dieci anni. Con la nuova squadra vince la Champions League e la Coppa Italia; dal 2004 al 2005 si aggiudica la Supercoppa europea contro il Porto e lo scudetto e poi la Supercoppa italiana contro la sua ex-squadra, ma perde la finale di Champions League ai rigori contro il Liverpool a Istanbul.

Nel 2006 trionfa ai Mondiali con l’Italia, ma torna a giocare poi solo a fine stagione a causa di un brutto infortunio alla spalla. Nel 2007 vince la Supercoppa europea contro il Siviglia e trionfa nel Mondiale per club. Nel 2010-2011 vince lo scudetto, e si aggiudica la Supercoppa italiana battendo l’Inter a Pechino per 2-1. Il 10 maggio 2012 annuncia l’addio al Milan al termine della stagione. Nel 2012 viene ufficializzato il passaggio di Alessandro Nesta al Montreal Impact, ma l’anno successivo, dopo il termine della MLS 2013, annuncia l’addio al calcio giocato. Il 26 novembre 2014 però viene ingaggiato dal Chennaiyin, tornando a giocare contro il Delhi Dynamos del connazionale Alessandro Del Piero terminata 2-2.

Allenatore

Nel 2015 inizia la sua carriera come allenatore dei Miami FC che parteciperà nel 2016 alla NASL. Termina la sua prima stagione da allenatore conquistando il settimo posto. Il 18 novembre 2017 si dimette dalla guida della squadra. Nel 2018 diventa responsabile tecnico della prima squadra del Perugia, separandosi dalla squadra il 21 maggio 2019. A giugno si accorda con il Frosinone, ancora in serie cadetta, ma nel marzo 2021 viene sollevato dall’incarico con la squadra.

Alessandro Nesta insieme all’ex compagno di squadra Massimo Oddo, si unirà come commentatore TV di Prime Video per la stagione 2022-23 della UEFA Champions League.

Non abbiamo notizie sul suo patrimonio.

Vita privata di Alessandro Nesta

Alessandro Nesta è figlio di Giuseppe, ferroviere, e Maria Laura, casalinga. Dopo aver conosciuto a Parigi la sua attuale moglie Gabriella Pagnozzi (figlia dell’ex segretario generale del CONI Raffaele Pagnozzi), nel 2007 i due si sposano a Ravello. Hanno anche tre figli: Tommaso, Sofia e Angelica.

4 curiosità

  • Nel 1999 viene nominato membro del consiglio di amministrazione della Lazio, su volontà di Sergio Cragnotti.
  • Nel 1994 in un contrasto durante un allenamento ruppe, involontariamente, la tibia e il perone a Paul Gascoigne.
  • Ha sempre indossato la maglia numero 13.
  • Alessandro Nesta è presente sui profili social con gli account Instagram e Facebook.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 31-07-2022


Sandro Piccinini, tutto sul giornalista sportivo

Wanna Marchi, la Regina delle televendite che truffò il Paese