Carlos Alcaraz è il futuro del tennis: il giovane tennista è stato definito l’erede di Rafael Nadal.

Carlos Alcaraz è uno dei tennisti più giovani famoso in tutto il mondo. Definito un talento precoce, il giocatore risulta molto aggressivo nella sua tecnica, con una grande forza fisica e resistenza. La sua strategia di gioco si basa sull’intensità, ed è famoso per il suo rovescio definito “solido e potente”. Scopriamo alcune curiosità sulla sua vita e sulla sua storia.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Carlos Alcaraz: biografia

Carlos Alcaraz Garfia è nato il 5 maggio del 2003 a Murcia, Spagna. Inizia a giocare a tennis all’età di tre anni, nella scuola del padre. Fin da molto piccolo emerge come campione regionale della categoria Under-10. All’età di 15 anni entra nell’accademia Equelite di Villena, di cui ha fatto parte anche Juan Carlos Ferrero (ex campione del mondo), che diventa il suo allenatore.

Carlos Alcaraz: carriera professionale

Carlos partecipa al suo primo torneo juniores ITF a squadre nell’ ITF World Junior Tennis Finals di Spagna nel 2017. Nello stesso anno vince il torneo Invitational Lacoste di Londra, una gara riservata agli Under 14. L’anno seguente inizia a giocare con regolarità e in luglio vince il suo primo torneo G1 di Castricum.

L’anno dopo, a 14 anni, supera le qualificazioni ed esordisce al torneo ITF allo Spain F5 di Murcia, la sua città e si classifica terzo. Diventa qui il secondo spagnolo più giovane a conquistare un punto ATP davanti anche a Rafael Nadal.

Nel 2019 raggiunge le semifinali all’ITF M15 di Palma Nova e partecipa al torneo successivo di aprile entrando con una wildcard al JC Ferrero Challenger Open, dove al primo turno supera Jannik Sinner. Esordisce la stagione del 2020 con la vittoria di due ITF M15 consecutivi a Manacor e arrivando in finale al torneo di Adalia.  Lo stesso anno riceve una wild card per il tabellone principale del Rio Open di Rio de Janeiro, partecipando al torneo dell’ATP Tour.

Il 2021 per lui è l’anno della prima trasferta in Australia, dove partecipa al secondo turno dell’ATP 250 di Melbourne. Qui, esordisce anche in un torneo dello Slam dove supera le qualificazioni all’Australian Open. Alla fine dell’anno partecipa anche alla trasferta americana, dove il 13 novembre vince la Next Gen ATP Finals. Subito dopo risulta positivo a un test del COVID-19 e deve rinunciare all’ultima fase di Coppa Davis.

Apre il 2022 vincendo il suo primo titolo in un Masters 1000 al Miami Open, e in seguito debutta nella top 10 mondiale come nono classificato, grazie al Masters 1000 di Madrid, superando Nikoloz Brasilasvili.

Carlos Alcaraz: vita privata

Della vita privata di Carols si conosce poco, ma risulta molto attivo sui social. Ha un profilo su Instagram dove ha più di un milione di followers, dove pubblica per la maggior parte post sulla sua carriera sportiva. Ha un profilo anche su Facebook e Twitter.

Fin da piccolo dichiara che Rafael Nadal è il suo idolo sportivo, a cui si ispira, ma crede che il suo gioco sia più simile a quello di Roger Federer.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 04-06-2022


Chi è Sabrina Scampini, giornalista e conduttrice televisiva

Chi è Marina Brogi, economista italiana