Alla scoperta di Filippo Tortu, la stella della velocità italiana e mondiale. Ecco chi è l’erede di Pietro Mennea.

ROMA – In molti lo paragonano a Pietro Mennea ma Filippo Tortu è semplicemente un ragazzo milanese che sta stupendo tutti con i suoi risultati sportivi. Andiamo a conoscere meglio uno dei migliori talenti dell’atletica in circolazione.

Chi è Filippo Tortu, la biografia del velocista azzurro

Filippo Tortu nasce a Milano il 15 giugno 1998 sotto il segno dei Gemelli. Una passione dell’atletica che è arrivata sin da piccolo anche se ha iniziato a praticare questo sport solo all’età di otto anni. Sin dai primi tempi si è visto che non è un ragazzo come tutti gli altri. Il suo talento è fuori dal normale. Successo dopo successo il piccolo Filippo si è preso sempre più la ribalta nazionale.

I record juniores non accontentano Pippo che in pochi anni è riuscito a firmare il miglior tempo nazionale sia sui 100 che sui 200. Quello che ha fatto più clamore è stato sicuramente il 9’99” della distanza più veloce in assoluto. Prima cosa perché ha migliorato il crono di un certo Pietro Mennea, la freccia di Barletta, e secondo perché è stato il primo italiano a battere il muro dei 10″. Un record migliorato ancora nel 2019 a Rieti ma il vento troppo forte non ha permesso al tempo di essere omologato.

Green Pass obbligatorio, le regole dal 15 ottobre

Filippo Tortu
Filippo Tortu

La fidanzata e la vita privata di Filippo Tortu

Una vita dedicata all’atletica per Filippo Tortu. Un ragazzo di 20 anni che ha deciso di ‘sacrificare’ un po’ la sua gioventù per realizzare il suo grande sogno: diventare uno dei migliori velocisti al mondo. E per farlo al suo fianco c’è Sofia, una ragazza conosciuta in Sardegna. La fidanzata della nostra stella ha deciso di rimanere fuori dalla luce dei riflettori.

L’azzurro è anche molto attivo su Instagram. Il suo profilo – dove si trovano in particolare foto dedicate alla sua professione – è seguito da oltre 50mila persone.

ultimo aggiornamento: 24-05-2019


Chi è Theresa May, la leader conservatrice e primo ministro della Gran Bretagna

Chi è James Harden, la stessa NBA vittima di razzismo