Alla scoperta di Giuseppe Marotta, il dirigente nato magazziniere, il primo a scommettere su Bobo Vieri e l’architetto della Juventus dei record.

Nato a Varese il 25 marzo 1957 sotto il segno dell’Ariete, Giuseppe Marotta, per tutti semplicemente Beppe Marotta, è considerato come uno dei migliori dirigenti sportivi in circolazione in Italia e in Europa.

Giuseppe Marotta: la moglie, i figli e la vita privata

Beppe Marotta è sposato con Cristina dalla quale ha avuto due figli, Elena e Giovanni, nati nel 2010. Il dirigente ha vissuto a lungo a Torino per lavoro e proprio per lavoro potrebbe pensare di trasferirsi con la sua famiglia in pianta stabile a Milano.

Beppe Marotta e la moglie sono due persone che non amano la vita mondana. È difficile, anzi difficilissimo, incontrarli a qualche evento di gala. Loro preferiscono la serenità e la tranquillità familiare. Si direbbe che siano persone casa e lavoro, senza la voglia né la necessità di mettersi in mostra. Stranamente, nonostante la fama e il ruolo ricoperto, Marotta non ha  un proprio profilo social.

Giuseppe Marotta Juventus Manuel Locatelli Gonzalo Higuain
Giuseppe Marotta

La carriera di Beppe Marotta: il magazziniere diventato campione d’Italia con la Juventus

La passione di Marotta per il calcio nasce quando Beppe non ha neanche dieci anni. La sua casa sorge vicino a un campo da calcio, quello del Varese, e lui passa le ore alla finestra a guardare gli allenamenti. Diventa presto amico di Angelino, il magazziniere della squadra e inizia a lavorare come garzone: lucida e pulisce gli scarpini, sistema le divise della squadra.

Almeno inizialmente il giovane Marotta fatica a capire se sogna di fare il calciatore, il dirigente o addirittura il magazziniere. Alla fine farà quasi tutto. Già, perché mentre studia al Liceo Classico entra nel settore giovanile del Varese come dirigente sportivo. La sua ascesa sarà fulminea. In sei anni scala le gerarchie della società diventando direttore sportivo, direttore generale e, a soli venticinque anni, presidente del club.

Il suo nome inizia a girare con prepotenza nell’ambiente quando, da giovane dirigente del Monza, tratterà la cessione di Casiraghi alla Juventus. Tratta in prima persona con una leggenda del pallone di nome Boniperti. Alla fine la Juventus cede il passo e chiude l’operazione alle condizioni del Monza. Continuerà il suo viaggio verso la vetta facendo tappa al Como, al Ravenna, al Venezia di Novellino – quello della promozione in Serie A – e all’Atalanta dei record.

In pochi sanno che Marotta fu il primo vero scopritore di Bobo Vieri. Lo vide nelle giovanili del Torino e fece di tutto per portarlo al Ravenna. Riuscì a comprarlo per un miliardo di vecchie lire. Lo avrebbe rivenduto a cinque.

Diventa direttore generale della Sampdoria nel 2002 e negli otto anni a Genova compie due capolavori: il pieno recupero di Antonio Cassano, diventato un esubero del Real Madrid, e la consacrazione di Pazzini

Il 2010 è l’anno della svolta definitiva. Marotta lascia Genova e va a Torino dove ad attenderlo c’è la Juventus, della quale sarà direttore generale amministratore delegato. Durante la sua avventura in bianconero arrivano giocatori del calibro di Higuain, Pirlo e Vidal, si susseguono allenatori del calibro di Conte e Allegri. E soprattutto si instaura un monopolio della Juventus che dalla stagione 2011-2012 a quella 2017-2018 vince sette Scudetti consecutivi entrando nella storia.

L’avventura di Marotta in bianconero si conclude con il leggendario passaggio di Cristiano Ronaldo alla Juventus, ultimo atto che precede l’annuncio ufficiale del termine del rapporto lavorativo tra il dirigente e il club torinese.

Cristiano Ronaldo
Cristiano Ronaldo

Giuseppe Marotta riparte dall’Inter?

Dopo l’ufficializzazione del suo addio alla Juventus, Beppe Marotta ha iniziato una lunga trattativa con l’Inter, con i nerazzurri disposti a tutto per assicurarsi uno dei migliori dirigenti sportivi al mondo. Nel novembre del 2018 Marotta ha incontrato in diverse occasioni i vertici del gruppo Suning e, stando ai bene informati, avrebbe iniziato a lavorare sottotraccia già prima dell’annuncio ufficiale.

Steven Zhang
Steven Zhang

Lo stipendio di Giuseppe Marotta

Stando ai bene informati, lo stipendio di Marotta all’Inter dovrebbe aggirarsi intorno ai tre milioni e mezzo l’anno. A questa cifra si dovranno probabilmente aggiungere i ricchi bonus legati al raggiungimento di obiettivi.

Negli ultimi anni trascorsi alla Juventus Beppe Marotta viaggiava intorno ai due milioni e mezzo l’anno, con un milione e mezzo di stipendio e un altro milione circa di bonus. Nella sua ultima stagione a Torino il dirigente è arrivato a incassare cinque milioni e mezzo.

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
Beppe Marotta Bobo Vieri calcio people

ultimo aggiornamento: 13-12-2018


Chi è Virginia Raggi, la sindaca di Roma laureata in Giurisprudenza

I vip all’esame di Maturità: sai quanto hanno preso?