Chi è Giuseppe Signori, la carriera e la vita privata dell’ex attaccante lombardo. E’ considerato uno dei giocatori più forti di sempre.

ROMA – Giuseppe Signori prepara il suo ritorno nel calcio. Dopo la grazia concessa dal presidente della Figc Gravina, l’ex attaccante di Lazio e Bologna potrebbe iniziare una nuova esperienza in questo sport come dirigente o allenatore. La carriera e la vita privata del lombardo.

Chi è Giuseppe Signori, la carriera dell’ex attaccante

Nato ad Alzano Lombardo il 17 febbraio 1968, Giuseppe ‘Beppe’ Signori è entrato a soli dodici anni nel settore giovanile dell’Inter. Con il club nerazzurro, però, non ha mai esordito tra i professionisti. La sua prima esperienza con il Leffe prima di trasferirsi al Piacenza e al Trento.

La svolta nella sua carriera è arrivata nella stagione 1989-1990 con il Foggia. Tre stagioni con il club pugliese allenato da Zeman prima di passare alla Lazio. Anche in questo caso cinque campionati da protagonista che lo hanno portato a vincere la medaglia d’argento ai Mondiali 1994. Sampdoria e Bologna le sue due ultime squadre italiane prima di chiudere la carriera con Iraklis e Sopron.

Calcioscommesse

Il 1° giugno 2011 Signori è finito in manette per un’indagine sulle scommesse nel mondo del calcio. Due settimane agli arresti domiciliari prima della revoca della misura cautelare. Il successivo 9 agosto è arrivata la squalifica a cinque anni dalla Figc.

Accuse che l’ex attaccante ha sempre respinto tanto da essere assolto in due occasioni nel 2021. Una decisione che ha portato il presidente Gravina ad annunciare la grazia al giocatore.

Avatar
Avatar

La moglie, i figli e la vita privata di Giuseppe Signori

L’ex attaccante si è sposato nel 1997 con Miss Cinema 1988 Viviana Natale. La coppia ha avuto tre figli: Niccolò, Denis e Greta. Finita questa relazione, Signori ha intrapreso una relazione con Tina Milano, attrice conosciuta durante una puntata di Scherzi a parte ed incontrata nuovamente dopo la separazione. I due hanno avuto una figlia.


X Factor 2021, i giudici e le novità: abolite le categorie ‘classiche’

Quarant’anni senza Rino Gaetano, vita e opere del cantautore calabrese