Chi è Hamza Rafia, il giocatore tunisino che ha regalato i quarti di finale di Coppa Italia alla Juventus.

TORINO – Hamza Rafia è uno dei giocatori che Andrea Pirlo ha fatto esordire con la prima squadra. Una partita da ricordare per il tunisino quella contro il Genoa. Il centrocampista offensivo ha segnato al suo esordio e regalato la qualificazione alla compagine bianconera. Andiamo a conoscere meglio il giocatore arrivato in Italia nel 2019.

Chi è Hamza Rafia, la carriera del giocatore tunisino

Nato il 2 aprile 1999 a Kalaat Senan, Hamza Rafia si è trasferito in Francia da piccolo insieme alla sua famiglia. I primi calci ad un pallone li ha tirati nelle squadre di Lione. Il club principale della città transalpina lo ha notato in alcuni tornei giovanili e ha deciso di tesserarlo.

Un percorso che ha permesso al giocatore di vestire tutte le maglie delle squadre giovanili del Lione prima di approdare nella seconda squadra. Tre stagioni senza mai riuscire ad esordire con i grandi. Le sue qualità, però, non sono passate inosservate alla Juventus. I bianconeri lo hanno acquistato il 16 luglio 2019 per 400mila euro e portato all’Under 23. Una stagione importante per il giocatore con la Vecchia Signora prima di entrare nel giro della prima squadra.

Juventus
Juventus

Hamza Rafia alla Juventus

Una stagione con l’Under 23 e poi il passaggio alla Prima Squadra bianconera. Andrea Pirlo ha sempre guardato con molta attenzione ai giovani e il suo esordio in Coppa Italia è stato da sogno. Rafia, infatti, con una rete ha messo in discesa la partita degli ottavi di finale contro il Genoa e concesso il pass per i quarti di finale.

Per lui possibile una seconda parte di stagione a contatto con i grandi prima di andare in prestito e continuare il suo percorso di crescita. Al termine della stagione previsto un confronto con l’entourage per capire come proseguire la carriera del giovane.

TAG:
Juventus

ultimo aggiornamento: 13-01-2021


Chi è Clemente Mastella, il sindaco di Benevento

Chi è Ray Kroc, il fondatore di McDonald’s