Jean-luc Mélenchon, scopriamo cosa si sa sul politico francese, candidato alle elezioni presidenziali francesi.

Jean-luc Mélenchon, classe ’51, dopo una formazione umanistica, conseguendo ben due lauree, entra a far parte del mondo della politica già in giovane età. Scopriamo qualcosa sulla sua carriera politica, che da membro di una loggia lo porta fino alla candidatura alle elezioni presidenziali francesi, assieme al suo partito La France Insoumise.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

La biografia di Jean-luc Mélenchon

Nasce il 19 agosto del 1951 a Tangeri, in Marocco. Consegue la laurea breve in Filosofia e una in Lettere Moderne, presso l’Università di Besancon.

Jean-luc Mélenchon e la carriera

Dopo aver militato nell’Organizzazione Comunista Internazionalista Mélenchon entra a far parte del Partito Socialista. Nel 1983 entra in Massoneria e diviene poi membro della loggia Roger Leray di Parigi. Dal 1986 fino al 2010 assume il ruolo di senatore per il dipartimento dell’Essone. Nel 2008 fonda il Partito di Sinistra, con orientamento socialista democratico.

L’anno successivo il partito si allea con il Partito Comunista Francese nel Fronte di Sinistra. Nel 2016 si propone per la presidenza della Repubblica, posizionandosi in quarta posizione, dietro al candidato di destra Francois FIllon. Alle legislative Mélenchon viene eletto con quasi il 60% dei voti nel collegio 4 delle Bocche del Rodano battendo Corinne Versini.

Nel 2022 Mèlenchon si candida nuovamente alle presidenziali, per la terza volta, superando per la prima volta il 20% nella sua carriera di candidato all’Eliseo, con il partito di sinistra radicale La France Insoumise, sfidando, assieme ad altri dieci, il presidente Emmanuel Macron, conquistando la terza posizione. Mélenchon oltre alla carriera politica segue anche l’attività di autore ed è infatti autore di più di una decina di libri, soprattutto saggi filosofici in merito alla condizione umana e rispetto alla politica.

Jean-luc Mélenchon: la vita privata

Figlio di Jeanine Bayona, insegnante di scuola elementare. e Georges Mélenchon. che era dirigente del PTT, ente pubblico francese per i servizi di telecomunicazione nazionali. Ha una figlia, Maryline Mélenchon. Non è noto l’ammontare del suo patrimonio.

5 curiosità su Mélenchon

  • Mélenchon ha ricevuto, per il suo investimento nella lotta alla dittatura militare argentina, il riconoscimento di Grande Ufficiale dell’Ordine Nazionale del Merito Argentino.
  • Nel 2019 è stato accusato di resistenza a pubblico ufficiale.
  • Oltre alla filosofia e alla letteratura, è anche appassionato di nuove tecnologie e si reca spesso alle fiere dei videogiochi.
  • Mélenchon è molto seguito su Instagram.
  • Nel 2017 innova il modo di fare politica realizzando a Parigi, in piena campagna elettorale, il primo meeting olografico, in diretta da Lione.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 13-04-2022


Chi è Alexey Bobrovsky, giornalista russo al centro del dibattito

Alla scoperta del leader ceceno Ramzan Kadyrov