Alla scoperta di Luigi Di Maio, dai sogni nel cassetto all’ascesa politica passando per le curiosità e la vita privata del politico del Movimento Cinque Stelle.

Nato il  6 luglio del 1986 sotto il segno Cancro, Luigi Di Maio è uno dei volti della nuova politica italiana, uno dei protagonisti dell’onda gialla del Movimento Cinque Stelle, una fazione politica destinata a rivoluzionare il modo di fare e concepire la politica. Come tanti pentastellati, Di Maio è uno di quelli che si è fatto da solo, partito da lavori umili e arrivato a ricoprire la carica di vicepremier nel governo Conte.

Luigi Di Maio
Fonte foto: https://www.facebook.com/LuigiDiMaio

La biografia di Luigi Di Maio: la laurea (mancata) e l’impegno sociale

Nato ad Avellino e cresciuto a Pomigliano d’Arco, Luigi Di Maio è figlio di Antonio e della signora Paola Esposito, insegnante di italiano e Latino. Eredita la passione per la politica dal padre, dirigente del Movimento Sociale Italiano e poi di Alleanza Nazionale.

Già ai tempi delle scuole superiori si mette in mostra per il suo attivismo. Decide di concorrere con alcuni suoi compagni per l’elezione dei rappresentanti di istituto per arrivare alla messa in sicurezza dell’edificio vecchio e pericolante. Si diplomerà al liceo classico Vittorio Imbriani nel 2004, poi prosegue gli studi all’Università iscrivendosi alla facoltà di Ingegneria. Capisce presto di aver intrapreso la carriera sbagliata e si iscrive alla facoltà di Giurisprudenza. Anche in questo caso lascerà gli studi prima di conseguire la laurea.

È proprio negli anni dell’Università che il futuro vicepremier conosce e abbraccia la causa di Beppe Grillo, venuto alla ribalta con il suo Movimento Cinque Stelle. Luigi Di Maio diventa un attivista pentastellato e si divide tra l’impegno sociale e lavoretti occasionali. Lavora come steward allo stadio San Paolo di Napoli e come muratore per la ditta di famiglia.

Il governo del cambiamento

La prima svolta arriva nel 2013, quando viene eletto per il MoVimento alla Camera dei Deputati. Segue una rapida ascesa che lo porterà al governo nel 2018, nel ruolo di vicepremier al fianco di Matteo Salvini, i due ambasciatori del Governo del Cambiamento.

La crisi di governo e il Conte Bis

L’esperienza di governo con la Lega durerà poco più di un anno. Dopo mesi di contrasti accesi, Matteo Salvini mette il presidente del Consiglio Giuseppe Conte e Luigi Di Maio sotto scacco chiedendo le elezioni anticipate e togliendo la fiducia al governo. Dopo giorni di polemiche, liti, macchinazioni e trattative e soprattutto dopo le dimissioni di Conte, nasce il governo giallorosso a guida Movimento 5 Stelle – Partito democratico. Una scelta che avrebbe creato una frattura insanabile nella base dei pentastellati.

Movimento 5 Stelle, le dimissioni di Luigi Di Maio

Nel mese di gennaio (2019 ndr), con il Movimento 5 stelle in crisi sia dal punto di vista elettorale che dal punto di vista della tenuta interna, Luigi Di Maio annuncia le sue dimissioni da capo politico del Movimento, mantenendo la carica di Ministro degli Esteri nel governo Conte Bis.

Luigi Di Maio
fonte foto https://www.facebook.com/LuigiDiMaio/

Chi è il padre di Luigi Di Maio?

In seguito a un servizio pubblicato da Le Iene nel novembre del 2018, viene alla ribalta il nome di Antonio Di Maio, padre di Luigi Di Maio, un imprenditore edile con trascorsi nel mondo della politica.

Il signor Antonio avrebbe intrapreso la carriera politica senza grande successo e si è fermato alla carica di dirigente prima del Movimento Sociale Italiano e poi di Alleanza Nazionale.

Abbandonata la carriera politica, Antonio Di Maio si è dedicato alla sua attività di imprenditore edile. La sua Ardima Costruzioni è venuta alla ribalta dopo un’inchiesta legata alle assunzioni in nero di alcuni operai dipendenti.

La vita privata di Luigi Di Maio: la fidanzata e gli amori a Cinque Stelle

Della vita privata di Luigi Di Maio si sa decisamente poco. Nonostante faccia grande uso dei social network pubblicando moltissimi contenuti su Facebook e sulla sua pagina Instagram, il politico tende a nascondere la sua vita privata.

Le indiscrezioni e i gossip dei giornalisti più tenaci hanno portato alla luce almeno due relazioni importanti di Di Maio, quella con Silvia Virgulti e quella con Giovanna Melodia. Con la seconda la storia d’amore sarebbe finita nell’agosto del 2018. “La politica ha contribuito – ha spiegato la Melodia parlando a Oggi della fine della storia con Di Maio. La distanza e il fatto che lui fosse così preso dalla formazione del governo. Era molto stressato, era impossibile vederci. Prima mi coinvolgeva nelle sue giornate, condivideva tutto con me con messaggi, note vocali, video, foto”.

Pochi mesi dopo il vicepremier è stato paparazzato nuovamente in compagnia della Virgulti, primo amore di Luigi. I due hanno avuto una relazione di tre anni durante la quale hanno vissuto in affitto a Roma. Stando ad alcune indiscrezioni sembra che i due si dividessero le spese pagando l’affitto un mese ciascuno.

Nel marzo del 2019 Virginia Saba ha confermato pubblicamente la sua relazione con Luigi Di Maio.

Giovanna Melodia
Fonte foto. https://www.facebook.com/giovanna.melodia.3

Cinque curiosità su Luigi Di Maio

Andiamo ora alla scoperta di cinque curiosità su Luigi Di Maio:

• Sembra che da piccolo Luigi Di Maio sognasse di diventare un poliziotto

• Il vicepremier, spesso criticato per non aver conseguito la laurea, ha due passioni decisamente dotte, eredità degli studi classici: la storia e l’attualità

• Pochi sanno che l’esordio politico del futuro vicepremier fu un flop clamoroso: nelle Comunali del 2010 nella sua Pomigliano d’Arco raccolse appena 59 voti!

• Il sogno nel cassetto di Di Maio è quello di contribuire al cambiamento dell’Italia per poi tornare a occuparsi di webmarketing.

• Amante dello sport, Di Maio è un fedelissimo della Formula 1 e dei motori in generale.

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
beppe grillo luigi di maio Movimento Cinque Stelle people

ultimo aggiornamento: 29-11-2018


Chi è Gianluca Vialli, un campione dentro e fuori dal campo

Alla scoperta di Massimo Ferrero, l’eclettico presidente della Sampdoria e produttore cinematografico