Con la C4, Citroën si colloca in due segmenti di mercato (compatte e monovolume), offrendo un prodotto che unisce praticità e tecnologia.

La C4 è una gamma di auto prodotta dalla Citroën. Essa comprende un SUV compatto (la C4 Cactus) e una monovolume offerta in versione cinque (SpaceTourer) o sette posti (Grand SpaceTourer). Queste ultime prendono il posto delle ‘Picasso’: la casa francese ha optato per la nuova denominazione ad aprile 2018, senza introdurre altre novità particolari.

Scheda tecnica Citroën C4

Le dimensioni della C4 variano fisiologicamente in base alla configurazione. La Cactus, il modello più compatto della gamma, misura 4.170 mm di lunghezza, è alta 1.480 mm e è larga 1.714 mm (con gli specchietti chiusi); la Space Tourer, invece, raggiunge i 4.438 mm di lunghezza, ha un’altezza compresa tra i 1.610 mm e i 1.625 mm e una larghezza di 1.826 mm (con i retrovisori aperti supera i 2 metri); la Grand C4 SpaceTourer, infine, è lunga 4.600 mm, è larga quanto la versione cinque posti ma è più alta (1.638 – 1.644 mm).

Dal punto di vista stilistico, la Cactus e la ex Picasso tradiscono uno stretto grado di parentela, specie all’anteriore dove spicca la firma luminosa su tre livelli e il doppio listello cromato che attraverso tutto il prospetto come prolungamento del doppio chevron frontale.

Per il resto, SUV e monovolume prendono due direzioni (stilistiche e non) piuttosto divergenti. Partiamo da quest’ultima: la Space Tourer presenta cerchi in lega diamantati a cinque razze da 17 pollici e gruppi ottici posteriori con effetto tridimensionale; la versione cinque porte offre la carrozzeria bicolore con tettuccio a contrasto mentre la configurazione sette posti è disponibile con archi al tetto.

Gli interni, invece, presentano la stessa gamma di armonie: quella di serie prevede rivestimenti in tessuto Milazzo Grey; l’ambiente ‘Wild Blue’ si ispira al mondo dello sport grazie al rivestimento in Levanzo Blue e i dettagli cromati che decorano la plancia; l’ambiente ‘Dune Beige’, invece, predilige il comfort, offrendo sedili anteriori massaggianti e rivestimenti in tessuto Yatago Grey. La gamma di opzioni si completa con la versione Hype Grey con inserti in pelle.

La nuova Cactus, invece, si caratterizza soprattutto per gli airbumps laterali (ridimensionati rispetto alla prima generazione) e un profilo vagamente più sportivo. Assieme alle ‘sorelle maggiori’ offre il programma “Citroën Advanced Comfort” che offre, come riporta il sito ufficiale del costruttore francese, “modularità, connettività e benessere forniti dal Pack Lounge e combinata al comfort delle sospensioni”. Per gli interni della C4 Cactus è possibile scegliere tra cinque ambienti: di serie (rivestimenti in tessuto Mica), Metropolitan Red (plancia rossa e interni in Silica Beige), Wild Grey (plancia in pelle e rivestimenti Silica Grey), Hype Grey (sedili in pelle Grainé Black) e Hype Red (rivestimenti in Nappa Beige).

Sicurezza, assistenza alla guida e tecnologia

La gamma di dispositivi di sicurezza è piuttosto ampia, specie sulla Cactus. Le due versioni monovolume hanno in dotazione la frenata d’emergenza attiva (Active Safety Brake), il regolatore di velocità, il sistema di rilevamento del superamento della carreggiata, il monitoraggio dell’angolo morto, il riconoscimento dei limiti di velocità e l’avviso di allerta rischio collisione.

La Cactus integra questa dotazione con Park Assist, telecamera posteriore per la retromarcia, apertura e avviamento keyless, Hill Assist, controllo dell’aderenza (Grip Control), luci di supporto nelle curve (Cornering Light) e Coffee Breake Alert (rilevatore di stanchezza del conducente).

Anche sul fronte tecnologico, la versione compatta appare meglio equipaggiata delle corrispondenti monovolume. La prima, infatti, oltre al Connect Nav (sistema di navigazione con schermo 3D offerto anche su SpaceTourer e Grand SpaceTourer) offre anche la tecnologia Mirror Screen, compatibile con Apple CarPlay e Android Auto.

Citroën C4
Fonte immagine: https://twitter.com/citroenitalia

Motorizzazioni Citroën C4

La gamma di motorizzazioni per la Citroën C4 comprende due unità a diesel e una a benzina, alcune delle quali condivise da tutti i modelli. Per quanto riguarda i propulsori a benzina, l’offerta si limita al tre cilindri in linea sovralimentato PureTech da 1.2 litri mentre i power train a gasolio sono due turbo 4 cilindri BlueHDi, uno da 1.5 litri e l’altro da 2.0 litri. Vediamo la distribuzione delle motorizzazioni nello specifico. Su Citroën C4 SpaceTourer sono disponibili:

  • 1.2 PureTech a benzina da 130 CV, con Stop&Start e cambio manuale a sei marce oppure con cambio automatico EAT8 a otto rapporti;
  • 1.5 Blue HDi a diesel da 130 CV, con Stop&Start e cambio manuale a 6 marce oppure con cambio automatico EAT8 a otto rapporti;
  • 2.0 Blue HDi da 163 CV abbinato solo al cambio EAT8.

La versione a sette posti, la Citroën Grand C4 SpaceTourer, integra la dotazione di motorizzazioni della cinque porte con una versione più potente del PureTech (180 CV) coadiuvata dal cambio automatico a otto marce. Per quanto riguarda la Cactus, invece, i propulsori offerti dalla casa del doppio chevron sono i seguenti:

  • 1.2 PureTech a benzina da 110 CV con Stop&Start e cambio a 6 marce, sia manuale che automatico EAT6;
  • 1.2 PureTech da 130 CV, con Stop&Start e cambio manuale a 6 rapporti;
  • 1.5 Blue HDi a diesel da 102 CV, con Stop&Start e cambio manuale a 6 marce;
  • 1.5 Blue HDi da 120 CV, con Stop&Start e cambio automatico EAT6 a sei rapporti.

Listino prezzi Citroën C4

In base alla combinazione tra motorizzazione, allestimenti e configurazione, la C4 copre un range di prezzi abbastanza ampio, collocandosi in posione medio-alta nei rispettivi segmenti di appartenenza.

La versione SUV è quella più accessibile; con motori a benzina, la Cactus è a listino a partire da 18.250 euro fino ad un massimo di 21.000 euro (entry level); le varianti a diesel costano un po’ di più: si va dai 19.700 euro ai 25.200 euro (allestimento di vertice abbinato alla motorizzazione più potente). A metà della gamma C4 si colloca la SpaceTourer; il prezzo d’attacco di una versione d’ingresso a benzina è di 25.350 euro mentre il prezzo di un modello al top di gamma (versione Shine) è di 30.600 euro. Per quanto riguarda l’offerta a diesel, i prezzi vanno dai 26.800 euro ai 35.300 euro. Infine la Grand C4 SpaceTourer, che presenta i prezzi di listino più alti: 27.050 euro per un modello di ingresso con il motore benzina meno potente; la gamma con propulsori a gasolio, invece, copre una fascia di costo -per gli allestimenti base – che va dai 28.500 euro ai 33.550 euro.

Fonte immagine: https://www.flickr.com/photos/citroen_official/9142005975

Fonte immagine: https://twitter.com/citroenitalia

Vaccino Covid, quando farlo, come prenotarsi e da chi saremo chiamati

TAG:
Citroen citroen c4 motori scheda tecnica

ultimo aggiornamento: 27-09-2018


Mini Cooper: un classico moderno in formato city car

Kia Sportage vs Hyundai Tucson: sfida coreana tra SUV di taglia media