La prima versione risale al 2014 mentre la nuova generazione arriverà sul mercato europeo a partire da marzo 2018.

La C4 Cactus è un modello di berlina compatta prodotto dalla Citroën. Presentata in anteprima al Salone di Francoforte nel 2013 e poi ufficialmente nel febbraio 2014, la Citroën Cactus viene prodotta dall’aprile 2014 presso lo stabilimento di Villaverde, in Spagna. La casa automobilistica francese, facente parte del gruppo PSA, lancerà sul mercato europeo la seconda generazione del modello a partire da marzo 2018. Ha ricevuto il premio World Car Design of the Year 2015 e si è classificata al secondo posto al premio di Auto dell’anno 2015.

Design

Lunga poco più di 4 metri (4.160 mm), alta quasi uno e mezzo e larga 1.73, la Citroën C4 Cactus è una berlina compatta, ascrivibile al cosiddetto ‘segmento C‘. Il design rappresenta sicuramente una delle caratteristiche distintive di questo modello. Spicca in particolare il prospetto laterale, segnato in maniera evidente dagli airbumps integrati nelle portiere. Il frontale presenta un profilo armonioso ed essenziale, quasi del tutto privo di definizione volumetrica: una superficie armonica accoglie due serie di gruppi ottici, un paio lunghi e sottili appena sotto la linea del cofano e un paio più grandi posti in posizione laterale. Il paraurti comprende un ampia fascia nera (a chiudere il lato inferiore del prospetto anteriore) che corre anche lungo la fiancata sormontando i passaruota. Il carattere essenziale delle linee esterne viene ampliato dall’assenza di un montante centrale; il posteriore, infine, si caratterizza per uno sbalzo molto contenuto, i gruppi ottici quadrati e l’ampia fascia inferiore del paraurti.

Le motorizzazioni della Citroën Cactus

La prima serie di C4 Cactus offre motorizzazioni sia a benzina (con 3 cilindri in linea) che diesel (4 cilindri in linea), tutte di categoria Euro 6. I motori a benzina sono i seguenti:

  • 1.2 Pure Tech 75 Feel da 75 CV.
  • 1.2 Pure Tech 82 (versioni: Feel, Shine e S&S ETG Feel) da 82 CV
  • 1.2 Pure Tech 110 S&S (versioni: Live, Feel e Shine) da 110 CV.

Le prestazioni dei motori a benzina variano in base ai cavalli in dotazione: quelli da 75 e 82 CV possono raggiungere una velocità massima pari a 171 km/h mentre quelli da 110 CV arrivano fino a 188 km/h. Quest’ultimo è in grado di scattare da o a 100 km/h in meno di 10 secondi, mentre i due allestimenti meno potenti hanno un’accelerazione 0-100 km/h di quasi 13 secondi.

Per quanto riguarda i modelli alimentati a gasolio, la Citroën offre diversi allestimenti del 1.6 litri da 99 CV. Anche per il propulsore diesel sono dispinibili diversi allestimenti: Feel, Feel Edition, Shine, S&S Live, S&S Feel e S&S Shine. In fatto di prestazioni, non siamo distanti dagli allestimenti a benzina: la velocità raggiunge i 184 km/h mentre l’accelerazione 0-100 km/h è di poco superiore ai 10 secondi (10.7).

I consumi della Citroën Cactus

Stando ai dati ufficiali comunicati dalla Citroën, i motori a benzina consumano circa circa 5 litri e mezzo di carburante ogni 100 km su percorso urbano, 4 litri su quello extraurbano e 4 e mezzo su percorso misto. I consumi dei motori diesel, invece, sono mediamente inferiori: poco oltre i 4 litri su percorso urbano, meno di 3 litri e mezzo su percorso extraurbano e poco sopra i 3.5 litri su quello misto. Le variazioni tra i singoli allestimenti sono nell’ordine del decimo di litro ogni 100 km. Riguardo le emissioni di C02, invece, il diesel produce 95 g/km mentre quelli a benzina 107 g/km.

Citroen Cactus
Fonte immagine: https://www.flickr.com/photos/72007988@N04/11501498414

Nuova Citroën C4 Cactus, in arrivo a marzo 2018

A marzo 2018 la Citroën ha in programma di lanciare sul mercato la nuova versione della Cactus, molto diversa da quella del 2014 sia in termini di design che di dotazione meccanica e tecnologica. Il prezzo di listino è di 17.900 euro IVA inclusa.

Cambia il design

Il restyling della Cactus ha investito in maniera significativa l’aspetto esteriore della vettura: anzitutto spicca il netto ridimensionamento degli airbumps che avevano dato il nome al modello: i moduli piuttosto vistosi della prima versione lasciano il posto ad una variante più discreta, spostata in basso e contornata da un tunnel che solca la fiancata laterale.

Riveduto e corretto anche il frontale, che presenta un design meno minimal ed una maggiore ampiezza. Il prospetto si sviluppa su due livelli; il marchio Citroën si inserisce in due line parallele che corrono da un lato all’altro dell’anteriore, in corrispondenza del bordo del cofano, definendo il profilo assottigliato dei gruppi ottici superiori, molto simili a quelli della prima generazione. Snellito anche il posteriore: via la fascia nera e i gruppi ottici quadrati a favore di nuovi fari sviluppati maggiormente in orizzontale.

La nuova serie consente una vasta scelta per quanto riguarda la configurazione esterna. Combinando le 9 tinte di carrozzeria, i 4 ‘Pack Color’ (Glossy Black, Silver Chrome, White e Deep Red) presenti sul profilo dei fendinebbia e degli airbumps e i 4 tipi di cerchi in lega è possibile ottenere ben 31 personalizzazioni esterne differenti

Le nuove motorizzazioni della Cactus

Rispetto alla prima versione, la nuova Citroën Cactus offre una gamma di motorizzazioni ampliata, fermo restando i due tipi di alimentazione classica. I propulsori a benzina restano da 1.2 litri con tre cilindri in linea: accantonato quello da 75 cavalli, la nuova gamma ne include – oltre a quelli da 82 CV e 110 CV della generazione 2014 – anche uno da 130 CV, disponibile sia con cambio automatico che manuale a sei rapporti. Scelta ampliata anche per quanto concerne le varianti diesel: il 1.6 litri da 99 CV viene affiancato da una versione da 110 CV.

Interni e tecnologia 

Sono gli interni a segnare decisamente il passa tra la prima e la seconda serie Citroën Cactus che, come si legge sul sito ufficiale dell’azienda francese, “segna una tappa importante nel programma Citroën Advanced Comfort con l’introduzione in anteprima in Europa delle sospensioni dotate di Smorzatori Idraulici Progressivi™ (Progressive Hydraulic Cushions™ – PHC) e, in anteprima mondiale, dei Sedili Advanced Comfort“. Di sicuro impatto anche l’ampio tetto vetrato panoramico ad alta protezione termica, che consente il passaggio della luce naturale filtrata e di utilizzare al meglio il sistema di climatizzazione in qualsiasi stagione.

Risulta naturalmente implementata la dotazione tecnologica, “con i suoi 12 sistemi di assistenza alla guida e le sue 3 tecnologie di connettività”. Oltre ai dispositivi già presenti sulla prima serie, la nuova Citroën Cactus offre al guidatore nuovi sistemi di sicurezza come la frenata automatica di emergenza (Active Safety Break) e il Drive Attention Alert (che rileva eventuali cali di attenzione alla guida). L’aggiornamento tecnologico ha anche potenziato il sistema di infotainment, migliorandone la connettività e implementando le funzioni di comando vocale.

Fonte immagine: https://www.flickr.com/photos/motographe/36005101432

Fonte immagine: https://www.flickr.com/photos/72007988@N04/11501498414


Formula 1, Mercedes: a Silverstone presentata la nuova W09

Superbike, inizio col ‘botto’ per Melandri: doppietta in Australia