Superlega, undici club di A chiedono le sanzioni per Juventus, Inter e Milan. Lettera inviata a Dal Pino.

MILANO – Undici club di Serie A chiedono sanzioni per Juventus, Inter e Milan per la vicenda Superlega. Come riportato da La Repubblica, le squadre del massimo campionato hanno inviato una missiva al presidente Paolo Dal Pino chiedendo di prendere dei provvedimenti nei confronti delle tre società “per analizzare i gravi atti posti in essere dai loro amministratori e le relative conseguenze“.

Un braccio di ferro destinato a durare nelle prossime settimane e che potrebbe portare ad un nuovo duro scontro tra i club del nostro campionato.

Gli undici club

Sono undici i club che hanno avanzato la richiesta. Si tratta di Roma, Torino, Bologna, Genoa, Sampdoria, Sassuolo, Spezia, Benevento, Crotone, Parma e Cagliari. Al momento, fuori da questa lotta Napoli, Lazio, Fiorentina, Atalanta e Verona, ma non si esclude un cambio di posizione da parte di questi club soprattutto in caso di una reale sanzione della Lega.

Al momento, l’ipotesi di un provvedimento nei confronti di Inter, Juventus e Milan sembra essere molto remota, ma la Lega sembra essere intenzionata ad aspettare le decisioni della Uefa. Se Nyon interverrà nei confronti di questi club, Dal Pino potrebbe decidere di sanzionare le squadre.

Pallone Serie A
Pallone Serie A

Il braccio di ferro in Serie A

La presa di posizione apre la strada ad un braccio di ferro tra i club di Serie A. Parma, Crotone e molto probabilmente il Cagliari spingono per le sanzioni che potrebbero portare ad una revisione della classifica anche se una esclusione dal prossimo campionato oppure una ripartenza dal campionato di Serie B sembra essere molto complicata.

Nessuna decisione sarà immediata. Sono in corso tutte le riflessioni del caso e le comunicazioni molto probabilmente avverranno al termine del campionato e dopo un confronto con le istituzioni del calcio europeo.

TAG:
calcio news Inter Juventus milan

ultimo aggiornamento: 24-04-2021


Serie A, vincono Crotone, Genoa e Sassuolo

Inter, Conte pensa al presente e dribbla il futuro