Come sta Papa Francesco: le condizioni del Santo Padre che dalla fine dl 2020 sta facendo i conti con una dolorosa sciatalgia.

Il 2020 si è concluso con una certa preoccupazione per le condizioni di Papa Francesco, costretto a rinunciare alla celebrazione del Te Deum e della messa di capodanno per una dolorosa sciatalgia.

udienza privata Papa Francesco
Papa Francesco

Papa Francesco bloccato da una dolorosa sciatalgia. Niente Te Deum e messa di Capodanno

A causa di una dolorosa sciatalgia le celebrazioni di questa sera e di domani mattina presso l’Altare della Cattedra della Basilica Vaticana non saranno presiedute dal Santo Padre Francesco“, aveva comunicato il portavoce vaticano nella giornata del 31 dicembre. La comunicazione aveva preoccupato e non poco i fedeli, che hanno imparato a conoscere bene lo spirito guerriero di Bergoglio, un Pontefice che difficilmente si ferma.

Inevitabilmente è iniziata la caccia alle indiscrezioni sulle condizioni di salute del Pontefice nell’ipotesi che la sciatalgia fosse solo la motivazione costruita e comunicata per evitare che si diffondesse il panico nella giornata del 31 dicembre.

Papa Francesco
Papa Francesco

Come sta Papa Francesco

In realtà non ci sono motivi per credere che il Santo Padre sia malato o alle prese con qualcosa di diverso da una dolorosa sciatalgia. Un problema comunque non da poco, che causa problemi anche notevoli. limita la mobilità e costringe al riposo più assoluto. Resta da capire se il pontefice possa regolarmente essere al suo posto in occasione delle celebrazioni del 6 gennaio, festa dell’Epifania. Una festa di grande importanza per la Chiesa.

Cos’è la sciatalgia

Dal punto di vista medico, la sciatalgia consiste nell’infiammazione del nervo sciatico. Questa infiammazione provoca un dolore decisamente intenso che interessa dalla zona sacrale e pelvica fino alla gamba, rendendo quindi dolori e limitati i movimenti.

Vaccino Covid, quando farlo, come prenotarsi e da chi saremo chiamati

TAG:
cronaca papa francesco

ultimo aggiornamento: 02-01-2021


Zona Gialla, Arancione e Rossa cosa succede dal 7 gennaio. Sei Regioni a rischio

Nucleare, Iran: “Arricchimento uranio al 20 per cento”